Da 950 giorni 22 ore 34 minuti 45 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Sardinia Ferries
Cronaca Olbia

Olbia, via Mameli in guerra: serrata globale dei commercianti

Brili immobiliare 1400

Olbia, 14 settembre 2020 – Non solo silenzio, non solo malessere strisciante: a Olbia c’è anche chi decide di alzare la testa e lo fa con convinzione per difendere non solo le proprie ragioni, ma soprattutto il proprio lavoro che è fonte di vita.

Domani, in via Mameli – dove è stata realizzata una pista ciclabile promiscua – vi sarà una serrata globale dei commercianti dalle 9 alle 15. “Ci opponiamo a gran voce e con forza alla pista ciclabile, concepita frettolosamente, realizzata approssimativamente e imposta senza il minimo confronto con tutte le parti interessate direttamente al radicale e scomposto cambiamento. Riteniamo che questo strumento sia sinonimo di modernità e progresso, se realizzato dove la logica lo collocherebbe, creando benefici a tutta la comunità. In questo caso paradossalmente non rappresenta un miglioramento ma addirittura una calamità gravemente dannosa per tutti : residenti e non, commercianti, ciclisti, automobilisti e persino i pedoni che adesso vedono occupato il marciapiede a causa delle indispensabili, necessarie soste brevi dei vari automezzi”, scrivono i commercianti in una nota comune.

DoubleTree by Hilton hotel ristorante Olbia 300

“Noi commercianti siamo allo stremo gia sferzati dalla indiscriminata globalizzazione, inarrestabile commercio elettronico, crisi a livello globale, mesi di chiusura per l’epidemia covid che ancora minaccia tutta la comunità e che potrebbe ripresentare conti salatissimi. Adesso è quindi per noi davvero insopportabile, tale imposizione, dopo l’eliminazione dei deor, l’avvento della ZTL e la riduzione di innumerevoli stalli in Via Mameli e nel resto della città”.

Ciò che temono i commercianti di via Mameli, una strada che da sempre si è distinta per vivacità – anche grazie alla presenza delle scuole superiori, è di diventare una nuova “via Regina Elena”. Una via, insomma, dove le serrande chiuse superano quelle aperte, una via “desertificata”.

“Già dopo pochi giorni dalla catastrofica modifica abbiamo registrato gravi e insostenibili perdite di fatturato, che prima della temuta chisura ci costringerà a licenziare e poi a non pagare tasse e tributi, indispensabili per il naturale equilibrio tra lavoro pubblico e privato”, spiegano i/le commercianti.

Domani, gli esercenti spiegheranno i motivi della protesta in modo approfondito.

Prink 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Commenti

Virali

iRiparo Olbia dieffe 1400 domenico castaldo
In Alto