Sunday, 23 June 2024

Informazione dal 1999

Cronaca, Nera

Olbia, tragedia a Bados: in campo i droni del Nucleo Investigativo Antincendi

L'incendio di ieri 31 agosto è costato la vita a Samuel Imbuzan di soli 11 anni

Olbia, tragedia a Bados: in campo i droni del Nucleo Investigativo Antincendi
Olbia, tragedia a Bados: in campo i droni del Nucleo Investigativo Antincendi
Patrizia Anziani

Pubblicato il 01 September 2023 alle 06:00

condividi articolo:

Olbia. Gli uomini del NIA, Nucleo Investigativo Antincendi dei Vigili del Fuoco sono al lavoro per determinare con esattezza le cause e la dinamica del terribile incendio che ieri, 31 agosto 2023, è costato la vita a Samuel Imbuzan, di soli 11 anni, e che ha distrutto due camper, una roulotte ed un carrello per gommoni che sostavano in un piazzale a ridosso della spiaggia di Bados, località di mare che segna anche il confine tra Olbia e Golfo Aranci.

L'incendio nel camper dove si trovava Samuel è divampato all'ora di pranzo, poco dopo le 13:30. Le fiamme si sono propagate subito anche sulla roulotte più prossima al mezzo e a causa della forte esplosione di alcune bombole di gas e il vento di maestrale le fiamme hanno finito per avvolgere anche il secondo camper. Tra i bagnanti lo spavento è stato tantissimo a causa del forte boato a cui sono seguite le fiamme e la colonna di fumo nerissimo.

Sul luogo dell'incidente sono arrivati i Vigili del Fuoco di Olbia, i Carabinieri, la Polizia di Stato, la Guardia Costiera,  Polizia Locale e 118. L'incendio è stato infine domato anche con l'impiego di un elicottero della Forestale. Tutta l'area dell'incidente è stata cinturata con divieto di riprese fotografiche per consentire le indagini svolte dai Carabinieri di Olbia e coordinate dalla Procura della Repubblica di Tempio Pausania. Sul posto è arrivato anche anche il primo cittadino di Olbia, Settimo Nizzi. Profondamente scosso dalla tragedia il sindaco ha assicurato tutta l'assistenza necessaria alla famiglia manifestando a nome di tutta la città di Olbia profondo cordoglio.   

La tragedia per il piccolo Samuel si è consumata subito. Al momento dell'esplosione lui era all'interno del camper, forse  stava riposando. I suoi genitori, residenti a Rimini e in vacanza ad Olbia con gli amici da qualche giorno, hanno cercato in tutti i modi di salvarlo.  Daniel Romulus Imbuzan, di 52 anni, ha cercato di entrare all'interno del camper avvolto dalle fiamme riportando ustioni nel 40% del corpo. Per lui è stato disposto il trasferimento a Sassari con l’elicottero di Areus presso il centro grandi ustionati dell’ospedale Santissima Annunziata. In stato di shock Tatiana Lisi, la madre di Samuel, anche lei è al momento in ospedale. Nessun ferito tra gli occupanti dell'altro camper: marito, moglie e la loro figlia di 14 anni, e gli occupanti della roulotte. Quest'ultima coppia è riuscita a mettere al riparo il cane e almeno la propria auto. Tutto il resto, carrello del gommone compreso, è stato divorato dalle fiamme assieme a gran parte dei loro effetti personali. Per tutti loro i Servizi sociali del Comune di Olbia si sono attivati immediatamente al fine di trovare una adeguata sistemazione per la notte, assicurando massima assistenza fino a quando ne avranno necessità. 

Alle 18:20 il carro funebre era già sul posto. L'elicottero dei Vigili del Fuoco proveniente da Cagliari con a bordo gli uomini del NIA è atterrato alle 19:36, nella grande area parcheggio lasciata libera per consentire tutte le operazioni delle forze dell'ordine  (qui il video). Nel mentre una ragazza del posto, in segno di cordoglio e affettuosa vicinanza ai genitori di Samuel, visibilmente commossa ha posato accanto ad un giglio di mare, rimasto indenne dalle fiamme, un orsacchiotto con un cuore blu. 

Prima che calasse il buio gli uomini del NIA hanno operato con il drone, poi hanno continuato a lavorare sotto il potente impianto di illuminazione alimentato dall'A.P.S. del 115.

Dopo gli ulteriori rilievi di legge in tarda serata era in programma il rilascio della salma e il suo trasferimento a Sassari a disposizione per le ulteriori indagini di rito.