Da 948 giorni 13 ore 46 minuti 59 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Sardinia Ferries
Cronaca Gallura

Olbia, ancora caos nei cieli: cancellati altri 28 voli

Critiche da parte di Usb-Cobas-Apm: c’è disorganizzazione

Passeggeri a terra a Linate ieri notte. Fonte: Facebook (profilo Fb di Uccio Iodice)
Brili immobiliare 1400

Olbia, 02 Luglio 2016 – È ancora molto complicata la situazione all’Aeroporto Costa Smeralda di Olbia: anche oggi Meridiana ha dovuto cancellare 28 voli tra arrivi e partenze. Su Milano e Roma volano i Boeing 767 per limitare i disagi ai passeggeri, ma la protesta sui social di chi è rimasto coinvolto sta mondando.

Intanto, sul fronte esuberi ci sono stati dei miglioramenti: i dipendenti licenziati e messi in cassaintegrazione più mobilità sono passati da 406 a 300. Ciò non placa, però, la rabbia dei sindacati che non hanno firmato l’accordo al Ministero dello Sviluppo Economico qualche giorno fa. Usb, Cobas e Apm, in un comunicato stampa ufficiale, criticano senza mezzi termini le azioni dell’azienda, giudicate dai sindacati come “disorganizzate”.

Spesati article offerte

In riferimento agli accadimenti degli ultimi giorni, registriamo diverse reazioni da parte dei lavoratori, ma anche –ovviamente- tra gli utenti diretti e indiretti dei voli Meridiana. Il paradosso più grande sta nel fatto che i primi ad essere a disagio per quanto sta accadendo nell’ambito della regolarità dei voli sono proprio i dipendenti. Come se questa fosse una loro diretta responsabilità e non della dirigenza aziendale che fino al loro ultimo giorno in servizio ha provveduto e continua a pescare nel torbido e ad aumentare la confusione cercando di spingere quanti più possibile ad accettare di abbandonare spontaneamente il proprio posto di lavoro – scrivono Usb, Cobas e Apm -. Un paradosso perché i dipendenti di Meridiana sono da sempre i primi ad essere interessati del buon funzionamento della ”propria” azienda, di fatto il vero motore di questa, mentre la dirigenza, finora così attiva e propositiva nel chiudere nel peggiore dei modi la vertenza ed ora totalmente assente nell’affrontarne gli effetti da lei stessa creati, sta spiccando per il totale disinteresse e mancanza di iniziativa. Infatti lo scempio si è consumato in maniera volutamente confusa, tra lettere contraddittorie e dichiarazioni inquietanti dall’azienda ai lavoratori ed in asettici comunicati nei confronti dei clienti e dei media, mentre la stessa ENAC è intervenuta sulla composizione equipaggi prevista dalla Compagnia“.

Secondo i tre sindacati che non hanno voluto firmare l’accordo, quest’ultimo non evita il “massacro sociale”. “Quello che invece appare ormai chiaro, è che negli accordi sottoscritti al Governo non è stato fatto neanche il “minimo sindacale” per evitare un massacro sociale che invece poteva essere affrontato e regolamentato in modi assai diversi e senza vessare, anche economicamente, i propri dipendenti – continuano i tre sindacati -. La totale disorganizzazione aziendale, unita allo sconforto dei dipendenti non poteva che portare a quanto stiamo assistendo. Finora siamo stati tutti concentrati sulla realtà dei licenziamenti: i sindacati impegnati ad assistere gli associati, mentre l’azienda ha giocato sulla pelle dei dipendenti per aumentare i numeri dei fuoriusciti. Lo tsunami si è abbattuto; noi ovviamente faremo tutto quanto in nostro possesso per tutelare i nostri iscritti dalle palesi ingiustizie subite, ma tutte le parti in causa dovrebbero da subito chiedersi come ricostruire e ridare un minimo di certezze e prospettive a tanti lavoratori di questo paese: dall’esistenza di un partner finora mai apparso ufficialmente, alla verifica degli organici di ogni singola categoria necessari per far volare una compagnia aerea, agli strumenti rimasti inutilizzati, alle modalità stesse di “prelazione” (precedenza) del personale. In questo senso, per rifare il punto con i lavoratori e ribadire il nostro impegno in una vertenza che non possiamo dire conclusa fino a che non verrà fatta chiarezza e giustizia, ricordiamo le prossime date ufficiali cui invitiamo tutti i lavoratori a partecipare: assemblea generale ad Olbia il 4 luglio dalle ore 15.00 e sciopero il 5 luglio. Tra gli auguri che ci facciamo, c’è quello di vedere la dirigenza in carica, trattata per come si merita, in relazione ai risultati prodotti negli ultimi anni, ma massimamente negli ultimi giorni. Chi distrugge non può candidarsi a ricostruire”.

Prink 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Commenti

Virali

Geasar summer 2020 1400
In Alto