Da 553 giorni 23 ore 29 minuti 36 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Edilmass orizzontale
Eventi Olbia

Olbia Folk Ensemble: ecco i cori per la Settimana Santa

Phone Doctor 1400

Olbia, 16 aprile 2019 –   Nella città di Olbia è presente da tempo il coro Olbia Folk Ensemble  che porta avanti la suggestiva tradizione, inaugurata cinque anni fa, di animare con i canti in lingua sarda il triduo pasquale, nella chiesa primaziale di San Paolo in Olbia.

Un iniziativa fortemente voluta da don  Gianni Satta di celebrare la cerimonia  di S’Iscravamentu (lo schiodamento di Gesù dalla croce) totalmente in  sardo.

Spesati article

E così anno dopo anno l’antica Confraternita di Santa Croce drammatizza la deposizione del Cristo guidata da una voce narrante in limba, e l’Olbia Folk Ensemble  propone i canti struggenti della Passione di Cristo, anch’essi totalmente in lingua sarda, 

A seguire poi sia  la processione dell’Addolorata  nelle vie del centro storico di Olbia, e sia  l’incontro con gli strumenti della crocifissione in   piazza Regina Margherita,  continuano ad essere accompagnati dal suggestivo  coro olbiese.

Il sabato si conclude il triduo con la veglia pasquale, la benedizione dell’acqua e del fuoco e la Santa Messa solenne. La  domenica mattina viene  celebrata  la Messa di Resurrezione, con la tradizionale processione nel centro storico e l’incontro fra la Madonna ed il Cristo risorto.

 Riservato a pochi, invece il rituale che   meglio di tutto, rappresenta l’appartenenza alla città e ai suoi costumi più intimi, ed è il rito della rimessa in croce del Cristo nella cappella di destra del transetto.

 Il venerdì santo, finita la cerimonia di S’Iscravamentu,  quando ormai i fedeli e i turisti hanno lasciato la chiesa, un gruppo di persone assiste al rituale operato sempre dalla Confraternita della sistemazione della statua del Cristo nella croce.

E’ a questo punto che viene intonato un Padre Nostro dalla calda voce di Giovanna   Dettori; è un Padre Nostro tutto particolare che il coro ha fatto suo e lo ha chiamato Padre Nostro olbiese e lo canta assieme a Giovanna, concludendo così  la cerimonia dal grande cuore olbiese.

A margine di tanta religiosità vi è anche un momento dal sapore paesano: la  merenda notturna a base di panini ai polpi e vermentino che vengono  offerti dalla Confraternita  a testimonianza della forte tradizione cittadina

Per i coristi dell’Olbia Folk Ensemble questi impegni sono un vero e proprio  servizio alla  loro città di Olbia. I cantori si sentono e sono gli unici rappresentanti nel mondo, dei cori folk.

 

Prink 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Phone Doctor riparazione smartphone tablet olbia sardegna via mameli damasco assistenza vendita
Commenti


Virali

Prink 1400
In Alto