sabato, 16 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Olbia, Cuore Straordinario: aprirà il Villaggio Alzheimer

Olbia, Cuore Straordinario: aprirà il Villaggio Alzheimer
Olbia, Cuore Straordinario: aprirà il Villaggio Alzheimer
Laura Scarpellini

Pubblicato il 23 gennaio 2020 alle 20:50

condividi articolo:

Olbia, 23 gennaio 2020 - In un contesto sociale in cui si tende sempre più all'apparire e a rendere noto le azioni a fondo benefico, ecco una forte voce distinguersi dal coro: l'associazione di operatori umanitari "Cuore Straordinario".

Si tratta di un gruppo di volontari che operano in tutto il territorio nazionale nell'ombra, mettendosi a disposizione di coloro che vivono situazioni di disagio e sofferenza sotto qualsiasi aspetto. Tutto questo nel più completo anonimato. Sono dei veri angeli che vivono nell'ombra e che offrono supporto di ordine pratico a chiunque ne abbia bisogno. Fino ad oggi hanno operato con il semplice tam tam della solidarietà, intervenendo con il vicino di casa in difficoltà economica che non ha di che mangiare, o dando conforto all'anziano solo e senza punti di riferimento, che ha bisogno di chi gli faccia la spesa.E non solo. C'è un mondo solidale sconosciuto che si muove in silenzio lontano dai riflettori dei social. Entriamo in contatto con Francesca Villa che sarà la nostra referente per quanto riguarda il territorio della Sardegna. "Anche se non sono nata in questa meravigliosa terra, c'è un legame "straordinario" che mi lega qui. Posso dire che quest'Isola mi ha salvato la vita. Ma questa è una storia che non riguarda il nostro ambizioso progetto solidale. Siamo un'associazione spontanea nata dalla volontà dei famigerati "7 amici al bar" che non hanno la pretesa di cambiare il mondo, ma sentono fortemente il dovere di fare qualcosa di concreto. Di mettersi in gioco. Ormai sono passati 20 anni da quel giorno in cui abbiamo iniziato a rimboccarci le maniche. Senza contare l'importantissimo supporto che diamo alle donne per prender in considerazione un aiuto esterno, che le riporti a vivere in condizioni di non violenza. E non aggiungo altro".

Purtroppo non è sempre semplice operare anche nell'intricato mondo solidale in cui si può incappare in truffe, in figure che operano ai limiti della legalità, o nella burocrazia talvolta spinosa e ingiustificata.

Ma tutto questo operare in maniera riservata e anonima, è stato fondamentale per tutelare l'incolumità, anche se sta per terminare.

"Oggi usciremo allo scoperto, perché stiamo lavorando ad un "Progetto Straordinario" e vorremmo condividere questa gioia con tutti dando la possibilità di partecipare anche attivamente".

"Abbiamo lavorato per anni all'idea di fare qualcosa di concreto per i malati di Alzheimer, per i malati oncologici, e per le persone con qualsiasi forma di disabilità. Ci sono in tutta Italia, Sardegna compresa, strutture meravigliose che si occupano di persone che hanno bisogno di aiuto, ma noi volevamo fare qualcosa di diverso. Ora il sogno è quello di realizzare un villaggio in certi termini "turistico", che altri chiamerebbero inclusivo".

"La struttura sarà aperta tutto l'anno dove gli ospiti che hanno bisogno di aiuto, coabiteranno con le persone che si vogliono fare le vacanze in Sardegna e che "pagheranno" il loro soggiorno, attraverso alcune ore di volontariato. Inoltre tutto quello che sarà versato nelle casse del villaggio, dai turisti in transito, sarà comunque utilizzato per i nostri "Ospiti Straordinari".

"Insomma andremo ad operare anche nell'ambito della promozione territoriale. Il nostro intento è quello di rendere accessibile il Villaggio a chi non può sostenere costi esorbitanti perchè ha solo una pensione, ma grazie al contributo dei turisti riusciremo a far quadrare i conti della struttura, e non faremo mancare nulla ai nostri ospiti".

La Villa ci tiene a precisare che il loro progetto non entra in concorrenza nella maniera più assoluta con le RSA sul territorio. Trattasi di una formula completamente unica e innovativa.

Insomma con questi meravigliosi presupposti, forse da domani saremo tutti più tranquilli e sereni nell'affrontare la nostra vecchiaia. Oggi sappiamo di poter contare su un grande "Cuore Straordinario", che ne avrà di cose da dire. Siamo certi che sentiremo a lungo parlare di loro.

Cronaca

Cronaca