martedì, 28 settembre 2021

Informazione dal 1999

Cronaca, Bianca

Olbia, cittadini scrivono a Comune e Provincia: sede del Liceo Musicale inadeguata

Studenti e genitori scrivono alle Isituzioni

Olbia, cittadini scrivono a Comune e Provincia: sede del Liceo Musicale inadeguata
Olbia, cittadini scrivono a Comune e Provincia: sede del Liceo Musicale inadeguata
Olbia.it

Pubblicato il 22 luglio 2021 alle 12:00

condividi articolo:

Olbia. I genitori e gli alunni del Liceo Musicale di Olbia scrivono alle Istituzioni del Comune di Olbia e della Provincia di Sassari, zona omogenea di Olbia-Tempio,  per sensibilizzarle con lo scopo di trovare una soluzione che metta fine al disagio della carenza di spazi per gli studenti. La lettera inviata via e-mail da numerosi cittadini è stata scritta per spiegare a cuore in mano la situazione in cui devono lavorare gli alunni che scelgono per attitudine e desiderio di impegnarsi negli studi musicali il Liceo Musicale intitolato al musicista e cantautore Fabrizio De André"Come genitori e studenti del Liceo Musicale di Olbia Fabrizio De André, desideriamo portare alla Vostra attenzione i gravi problemi legati alla sede del liceo, sita in via Zambia, Cala Saccaia". Così comincia la lettera che sta circolando da ieri sera su numerose chat di alunni e genitori.  "Nel corso dell’anno scolastico 2020-2021 è stata rilevata l’insufficienza degli spazi assegnati in quanto non consentono in modo adeguato lo svolgimento del curricolo ministeriale previsto per il Liceo Musicale.Un Liceo Musicale deve disporre di almeno 15 aule per le materie dell’area comune e per le lezioni di strumento individuale (rapporto 1:1), sale per musica di insieme e per canto corale.Inoltre l’attuale imposizione delle norme anti-covid comporta la richiesta di spazi adeguati per le lezioni di musica di insieme fiati e canto corale, in quanto per queste materie è prevista una distanza di 1,5/2 metri per lo svolgimento in presenza delle lezioni in sicurezza e una adeguata areazione. Diverse finestre della sede di Cala Saccaia sono rotte e non si possono tenere aperte". "La scuola necessita anche di una palestra e della presenza di un cortile per lo svolgimento in sicurezza della ricreazione, soprattutto in considerazione del fatto che le norme anti-covid impongono che gli alunni trascorrano le ore di lezione senza abbandonare mai il proprio posto. Le difficoltà della sede hanno favorito nel corso dell’ultimo anno scolastico un ricorso alla DAD maggiore che in altri istituti della Sardegna. Come è stato rilevato anche dall’istituto Invalsi il ricorso alla DAD continuativo ha causato un danno in termini di apprendimento. A maggior ragione ciò è rilevabile per materie artistiche e musicali che richiedono la presenza per essere svolte al meglio". La lunga lettera indirizzata alle istituzioni locali prosegue così: "Nell’anno scolastico 2021-22 il liceo musicale completerà il ciclo raggiungendo le cinque classi, dalla prima alla quinta- spiegano i genitori e gli alunni nel documento inoltrato alle istituzionei. - Se è stato difficile l’anno appena passato con quattro classi, sarà davvero impervio con una classe in più. Ricordiamo che ogni studente del liceo musicale è tenuto a tre ore di lezione pomeridiane di strumento individuale al biennio e due al triennio.E neppure appare praticabile la soluzione che prevede spostamenti continui tra la sede di Cala Saccaia e la sede del Liceo Artistico di via Modena (situate ai poli opposti della città) per poter effettuare le lezioni pomeridiane previste nel piano di studi. Questo sia per le difficoltà connesse ai tempi del trasporto pubblico, sia per l’impossibilità di poter spostare determinate tipologie di strumenti il cui insegnamento è attivo presso il nostro istituto, sia infine perché le lezioni individuali prevedono orari differenti per ciascun alunno in base allo strumento". "L’indirizzo Musicale di Olbia è nato sotto l’egida dell’Amministrazione Provinciale che si è quindi assunta la responsabilità di mettere a disposizione una struttura adeguata e di assicurare il diritto allo studio. La richiesta di attivazione dello specifico indirizzo, inoltre, è stata fortemente caldeggiata dall’Amministrazione Comunale, che ha giustamente colto l’importanza che questo indirizzo svolge anche ai fini dell’incremento qualitativo dell’offerta formativa del territorio." Così  spiegano i promotori dell'iniziativa di sensibilizzazione facendo presente che lo stesso tipo di Liceo è attivo in pochissime città italiane".  "Il nostro Istituto ha sempre proficuamente collaborato con le Amministrazioni locali, con l’attivazione e la partecipazione a progetti formativi e iniziative culturali, e sono tutt’ora attivi partenariati e convenzioni per numerose attività.Lo sviluppo demografico ed economico che ha dato linfa ad Olbia negli ultimi decenni, necessita anche di un proporzionale sviluppo nell’offerta dei servizi: siano essi sociali, culturali e, come in questo caso, educativi. Pena lo sviluppo disarmonico di una città.Si auspica quindi che si possano concretizzare soluzioni a breve e a lungo termine, per garantire agli attuali iscritti il completamento del percorso formativo e ai numerosi ragazzi più giovani che opereranno la medesima scelta, la possibilità di poter usufruire di un’offerta formativa adeguata alle loro inclinazioni e, quindi, di poter esercitare pienamente il diritto allo studio, senza subire discriminazioni rispetto ai colleghi di altre città". "Come istituto è stato mostrato interesse per la sede dei Salesiani sita nel quartiere Poltu Quadu, sia per le caratteristiche dell’edificio, sia per la vicinanza con la sede di via Modena che favorirebbe la soluzione di spostamenti tra le diverse sedi per lo svolgimento delle lezioni pomeridiane. Se non fosse assolutamente possibile questa soluzione chiediamo che ne vengano proposte altre tenendo conto delle reali esigenze pratiche di un liceo musicale, sopra evidenziate.Confidando in un celere riscontro che porti in tempi brevi a strade operative, porgiamo cordiali saluti I genitori e gli studenti del Liceo Musicale di Olbia". Così conclude la lettera inoltrata non solo alle Istituzioni provinciali e comunali, ma anche ai candidati a sindaco delle prossime elezioni: l'attuale primo cittadino Settimo Nizzi e Augusto Navone candidato con la Grande Coalizone.