giovedì, 05 agosto 2021

Informazione dal 1999

Cronaca, Nera

Loiri Porto San Paolo, reati di contraffazione: 54enne denunciato

Operazione congiunta tra Polizia locale e Guardia di finanza

Loiri Porto San Paolo, reati di contraffazione: 54enne denunciato
Loiri Porto San Paolo, reati di contraffazione: 54enne denunciato
Olbia.it

Pubblicato il 21 luglio 2021 alle 10:08

condividi articolo:

Loiri Porto San Paolo. Nella giornata di ieri durante il servizio coordinato tra Guardia di Finanza e Polizia Locale nel litorale del Comune di Loiri Porto San Paolo, diversi equipaggi della Polizia Locale, guidati dal Comandante Giuseppe Serra e della Sezione antiterrorismo e pronto impiego della Guardia di Finanza del Gruppo Olbia guidata dal Comandante Carlo Lazzari, hanno effettuato diversi interventi su tutto l’arenile di Porto San Paolo.

L’operazione di Polizia, diretta dal Tenente Navarra della Guardia di Finanza di Olbia, ha preso avvio nelle settimane scorse, quando i militari della Guardia di Finanza unitamente agli Agenti della Polizia Locale si sono confusi tra i bagnanti al
fine di monitorare la movimentazione di merce presuntivamente contraffatta. Questo personale, Come si legge nella nota delle forze dell'ordine: "appuntava orari e luoghi di conferimento della merce. Tale attività prodromica ha consentito ai militari e agli agenti di agire con sicurezza, e senza arrecare pericolo ai fruitori dell’arenile. L’attività sopra descritta ha comportato il deferimento all’autorità giudiziaria di un cittadino di origini senegalesi di anni 54 per i reati di “Ricettazione “ e “Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi”, poiché trovato in possesso di 49 articoli di pelletteria tra cui borse e portafogli di lusso, tutti con marchi contraffatti delle più importanti case di moda italiane ed estere: Fendi, Chanel, Luis Vuitton, Gucci Christian Dior.

"Questi articoli, che sono stati debitamente sequestrati e messi a disposizione della Autorità Giudiziaria, se posti in vendita avrebbero fruttato sul mercato nero ingenti somme. Le operazioni di controllo si sono estese anche ai commercianti che proponevano ai bagnanti articoli da mare, senza però le autorizzazioni previste dalla legge. Nel corso di questi controlli sono stati elevati verbali per circa diecimila euro e sottoposte a sequestro amministrativo le merci e le attrezzature di vendita", conclude la nota.