Olbia, 17 marzo 2019-  Il Pisa batte l’Olbia al “Nespoli” con un colpo di testa di Brignani, al 39′ di gioco del primo tempo,  e porta a casa l’intera posta in palio. Una vittoria nel complesso meritata quella della compagine toscana, vera corazzata del girone  apparsa su campo tirata a lucido e a pieni giri al cospetto della truppa di mister Filippi, che ha sì lottato con coraggio rimanendo in partita sino alla fine ma, a differenza di altre volte, meno viva e presente e per questo anche meno efficace nello sviluppo del palleggio e delle trame di gioco.

Merito certamente della squadra di D’Angelo che ha preso immediatamente il sopravvento sul centrocampo dove, di fisico e di agonismo, ha reso dura la vita all’Olbia, trovando forza e metri nel gioco in ampiezza, concedendo pochi spazi tra le linee e andando anche vicina al raddoppio in un paio di circostanze nel corso della ripresa. Di contro, l’Olbia, dopo aver trovato un varco con Maffei al 17′, ha avuto al 25′ con Iotti l’occasione più ghiotta quando il risultato era ancora inchiodato sullo 0-0: palla lunga a scavalcare la linea difensiva e piattone mancino del difensore che, da pochi passi, non inquadra lo specchio. Porte scorrevoli che avrebbero certamente potuto cambiare il film della partita, anche perché, il Pisa, la propria palla inattiva la sfrutta pienamente con la gittata di Gucher a propiziare la zuccata di Brignani che trafigge i pali al 39′.

Spesati article

È il gol che decide una gara in cui l’Olbia ce l’ha messa tutta. Ma la forza dell’avversario e la poca fortuna in occasione della volée mancina di Ragatzu che fa la barba al palo, hanno inciso più di tutto. Adesso la testa deve andare immediatamente alla prossima battaglia. Sabato prossimo si gioca a Pistoia.

Il primo a commentare a caldo il match perso dall’Olbia, è il centrocampista Nicholas Pennington: “È stata una partita davvero dura, il Pisa ci ha messo in difficoltà da subito, soprattutto a centrocampo, dove loro sono riusciti a far girare bene palla. Da parte nostra c’era la voglia di andare in campo per spaccare tutto ma, pur mettendocela tutta, non siamo riusciti nel nostro intento”.

Tanti gli errori in fase di disimpegno: “È vero, siamo mancati nel nostro punto di forza, il palleggio, ma più in generale è mancata la capacità di raddrizzare la gara, anche se davanti avevano una squadra molto forte e presente fisicamente. Dispiace per la sconfitta, ora dobbiamo tuffarci a capofitto nel lavoro settimanale per preparare al meglio la prossima partita”. 

Le parole di mister Filippi

Nell’immediato post gara, mister Filippi ha riconosciuto i meriti dell’avversario nel commentare la sconfitta subita dalla sua Olbia ad opera del Pisa: “Giocavamo contro una delle grandi di questo girone, una squadra di grande forza tecnica, fisica ed esperienziale. Forse potevamo essere più scaltri nel capitalizzare le occasioni create, ma oggi, con questo Pisa, non era semplice giocare. Ci abbiamo provato, siamo rimasti in gara sino alla fine e anche se negli ultimi 15′ si è giocato davvero poco per via delle tante interruzioni, il risultato finale è giusto. Contro squadre di questa levatura, si può vincere se si arriva all’impegno al massimo della propria forza facendo percepire all’avversario la propria presenza in ogni frangente della gara. Noi abbiamo lottato e provato a fare il nostro, ma oggi, il Pisa, aveva probabilmente più motore di noi”.

La lettura tattica della gara corrobora la premessa: “Il Pisa è sceso in campo con una formazione diversa da quella che aspettavamo e abbiamo sofferto i loro cambi di campo, nei quali, pur andando in pressione nei tempi giusti, ci è mancata forza nella contrapposizione fisica. Rispetto alle precedenti partite, non siamo stati capaci di mettere aggressività nella metà campo avversaria e alla lunga questo ha pesato. Il gol subito? Dovrei rivederlo, ma credo che ci siano più meriti del Pisa che demeriti nostri. Gucher ha messo dentro una palla perfetta che ha scavalcato la nostra linea. Peccato, perché sullo 0-0 anche noi avevamo avuto un’occasione limpida su palla inattiva”.

 

TABELLINO
Olbia-Pisa 0-1 | 31ª giornata

OLBIA: Van der Want, Pinna, Bellodi, Iotti, Cotali, Vallocchia, Muroni (75’ Caligara), Pennington (57’ Ceter), Peralta, Maffei (46’ Ragatzu), Ogunseye (69’ Gemmi). A disp.: Romboli, Marson, Pisano, Dalla Bernardina, Cusumano, Pitzalis, Senesi. All.: Michele Filippi
PISA: Gori, Meroni (82’ Buschiazzo) Benedetti, Brignani, Birindelli, Gucher (90’ Izzillo), Verna, Lisi, Minesso (63’ Di Quinzio), Masucci (63’ Pesenti), Marconi (83’ Moscardelli). A disp.: D’Egidio, Kucich, Masi, Gamarra, Lidin. All.: Luca D’Angelo
ARBITRO: Matteo Garigilio di Pinerolo. Assistenti: Mattia Massimino (Cuneo) e Claudio Gualtieri (Asti)
MARCATORI: 39’ Brignani
AMMONITI: 12’ Minesso, 57’ Iotti, 89’ Gemmi
NOTE: Giornata calda, soleggiata e ventilata. Terreno di gioco in buone condizioni. Recupero: 4’ st. Spettatori: 800 circa