Sunday, 23 June 2024

Informazione dal 1999

Bianca, Cronaca

I più grandi vincitori nella storia dei casinò online in Italia

Ecco la storia

I più grandi vincitori nella storia dei casinò online in Italia
I più grandi vincitori nella storia dei casinò online in Italia
Olbia.it

Pubblicato il 12 October 2022 alle 16:41

condividi articolo:

I più grandi vincitori nella storia dei casinò online in Italia

Nonostante il gioco d’azzardo non sia affatto considerato come un gioco piacevole, ed in effetti induce ad avere dipendenza, molte persone oggi sognano di vincere tanti soldi in un casinò terrestre oppure on-line. A tale proposito, in questo articolo vediamo chi sono i soggetti che hanno centrato vittorie stratosferiche dopo aver puntato soldi per tale impresa, ma pur sempre ragionando con la propria mente e assumendo tutte le responsabilità. Nella maggior parte dei casi erano  persone maggiorenni, che hanno vinto jackpot, anche se molte vincite sono state ottenute recentemente nei casinò Non AAMS, che ormai sono prepotentemente presenti sul mercato online italiano. In riferimento a quanto sin qui accennato, vediamo dunque quali sono stati alcuni dei più grandi vincitori dei casinò online e terrestri italiani ed esteri.  

 

                   Jarecki: 600 ml. di lire

Un’altisonante cifra che possiamo definire davvero la più grande e incredibile è quella vinta alla Roulette presso il Casinò di Sanremo. Nell’anno 1969 infatti i responsabili rischiano la bancarotta a causa di quella centrata da Richard Jarecki, che intascò oltre 120 milioni di lire ossia un importo stimabile oggi intorno ai 500mila euro e che comportò un severo divieto di frequentare la struttura. Jarecki tuttavia, ben presto tornò a vincere di nuovo intascando 600 milioni di lire e in modo legale. A questo punto, i responsabili capirono che Jarecki aveva scovato delle falle nel sistema  e dopo averla individuata, decisero di sospenderlo definitivamente riconoscendolo come onesto e grande vincitore.

                                                   

               Jaggers:1,5 ml. di franchi  

Quando parliamo di grandi somme vinte in un casinò, la storia ci indica che tali eventi hanno radici lontane; infatti, un tempo dove i controlli non erano accurati come oggi, un meccanico di nome Jaggers, proprio grazie alla sua professione, riuscì a capire che molte roulette essendo composte da ingranaggi e quindi non computerizzate come quelle che oggi troviamo sui casino Non AAMS online e in quelli terrestri, non erano precise e quindi l'uscita di un numero casuale non poteva essere garantita. Grazie a tale scoperta, l'abile meccanico nell’anno 1873 iniziò a analizzare (giocandovi) tutte le Roulette presenti al Casinò di Montecarlo, riuscendo a individuarne una che presentava alcuni ingranaggi difettosi. Questi ultimi erano collegati al numero 7, 8, 9, 17, 18, 19, 22, 28 e 29. Jagger scoprì tale falla e chiese a amici e parenti un prestito allo scopo di affrontare le spese di viaggio e di gioco. Svariate puntate su una roulette difettosa, permisero infatti a Jagger di centrare ottime combinazioni vincenti e soprattutto di effettuare puntate mirate e intascare oltre 2 milioni di Franchi che per l’epoca rappresentava un importo strepitoso. I responsabili del casinò fortunatamente riuscirono a individuare i vari difetti e a risolvere a monte tale problema. Jaggers continuò tuttavia a giocare, e pur perdendo portò comunque a casa un milione e mezzo di franchi.  

 

              Grendene Bartelle: $ 3,5 ml.  

Un’altra vittoria strepitosa ottenuta in un casinò è quella di Pedro Grendene Bartelle, ossia un giovane di una famiglia tra le più ricche del Brasile. L'innata passione per giocate d’azzardo e un’incredibile fortuna, permisero al suddetto personaggio di centrare una vincita stratosferica puntando 100.000 $ sul numero “32”. L’importo che fu diviso con alcuni suoi amici fruttò $ 3,5 milioni. La vincita venne regolarmente pagata dai responsabili dell'Hotel Conrad a Punta del Este, sulla costa dell'Uruguay, visto che la roulette non presentava nessuna manomissione, ma si era trattato di un vero colpo di fortuna per il suddetto personaggio.

 

                       Wells: vincita non quantificata

La roulette del Casinò di Montecarlo, anche in occasione dell'importo vinto nell’estate del 1891 da Charles Wells presentava un difetto di fabbricazione. Il suddetto banchiere se ne accorse poiché esperto in macchinari sofisticati e inventore di alcuni di essi che vendette poi a compagnie navali per regolare la velocità dei motori. Questa esperienza gli consentì di effettuare puntate progressive sul numero “2” che addirittura uscì per 5 volte consecutive facendo saltare il banco. L’impresa suscitò tantissimo scalpore, invogliando anche un regista americano a farne un film dal titolo: L’uomo che fece saltare il banco a Montecarlo . La somma di oltre $ 100 milioni di Wells nel casinò della costa azzurra all’epoca era stratosferica e quindi ancora oggi va ricordata poiché di grande interesse storico.

                   La banda del Ritz : $1.300.000 dollari

Banda del Ritz è una denominazione che fu coniata per un gruppo di amici e che in realtà non indicava qualcosa di losco; infatti, le vincite riportate furono considerate legali. Il segreto di tale successo è tuttavia strettamente legato a una semplice scienza analizzata da William Nelson Darnborough nel 1912; infatti era riuscito a capire ( o meglio ad intuire) che il movimento della pallina scientificamente poteva essere predetto. A seguito di ciò, insieme a esperti matematici (Shannon e Thorpe), e utilizzando sensori e diverse telecamere, registrò tutti i movimenti della pallina nella roulette applicando poi degli algoritmi, al fine di predirne l’uscita in determinati settori. Il vantaggio fu quantificato in circa il 44% e per tale motivo il gruppo di amici decise di mettere in pratica l’esperimento in un casinò di Las Vegas che però non risultò fruttuoso per mancanza di fondi e di basi logistiche. Tuttavia l’esperimento servì poiché  nell’anno 2004, con strumenti molto più sofisticati e meno invasivi (di piccolissime dimensioni) riuscirono a mettere in pratica la teoria di Darnborough intascando $1.300.000 dollari in appena due giorni. Le puntate però furono giudicate eccessive e quindi tali da far intervenire Scotland Yard.  

 

                                      Conclusioni

Vi starete forse chiedendo il perchè di questo articolo? Abbiamo raccontato di alcune persone che sono riuscite a vincere grazie alla loro intelligenza e non si sono affatto abbandonate al caso. I giochi d’azzardo sono ovviamente pericolosi e solo i soggetti maggiorenni possono giocarci, però ricordiamoci sempre che i giochi d’azzardo creano dipendenza e non li consigliamo a nessuno. Ogni vincita di cui abbiamo trattato dipendeva non solo dall’astuzia dei protagonisti delle nostre storie, ma anche dalle tipologie di giochi che si scelgono. E’ un dato di fatto però, che molte delle più grandi vittorie oggi vengono realizzate in gran parte grazie a slot machine e videopoker dei casinò online di paesi italiani ed esteri. Detto ciò, concludiamo il nostro articolo raccomandando tutti di stare molto attenti in quanto i giochi d’azzardo, per quanto sembrino stupefacenti, creano dipendenza e sono pericolosissimi.