giovedì, 20 gennaio 2022

Informazione dal 1999

Cronaca, Bianca

Diga del Liscia all'80% della capienza

Tranquillità in Gallura

Diga del Liscia all'80% della capienza
Diga del Liscia all'80% della capienza
Olbia.it

Pubblicato il 13 gennaio 2022 alle 10:37

condividi articolo:

Olbia. Buone notizie per la stagione irrigua della Gallura: la diga del Liscia è all'80% della sua capienza, lo rende noto il Consorzio di Bonifica della Gallura. 

"È all’80% il livello dell’invaso Liscia: attualmente contiene infatti 85 milioni di metri cubi d’acqua a fronte dei 104 milioni a cui può arrivare. Un livello che comunque non desta preoccupazione per quanto riguarda l’approvvigionamento idrico, perché secondo gli indicatori di siccità, rientra nei livelli ordinari di gestione. Lo comunica il Consorzio di Bonifica della Gallura, che ricorda che l’anno scorso nello stesso periodo era al 100% della sua capienza, e questo ha garantito una primavera e un avvio di stagione irrigua tranquilli, con un consumo di circa 25 milioni di metri cubi d’acqua, registratosi a partire dal mese di maggio 2021 fino a luglio, quando è sceso all’80%, per poi continuare a scendere ad agosto al 73%, a settembre al 69%, a ottobre al 65% quando si segnavano 68 milioni di metri cubi invasati", si legge nella nota.

“Le precipitazioni di novembre e dicembre 2021 hanno riportato i livelli del Liscia all’80%, e ancora molto potrebbe arrivare dal resto della stagione invernale per permettere appunto di continuare a incamerare preziosa risorsa idrica che garantisca un ordinario avvio di campagna irrigua 2022. Nella stagione idrica 2021, e i dati di monitoraggio ce lo confermano, il livello del bacino si è abbassato di oltre 35 milioni di metri cubi”, spiega il direttore del Consorzio Giosuè Brundu. Numeri che confermano l’importanza di questo bacino per l’agricoltura della Gallura, che garantisce la risorsa idrica a un comprensorio ricadente su 17 comuni della Provincia di Sassari. “Ancora una volta è necessario però sottolineare che la situazione di tranquillità sulle risorse idriche – afferma il presidente del Consorzio Marco Marrone - ci permette e ci impone di avviare un ragionamento di sviluppo e programmazione sul territorio, perché questo è il momento. È necessario colmare i deficit che purtroppo ancora gravano su buona parte del perimetro della Gallura e poter sfruttare a piano tutte le potenzialità di questo territorio. Ribadiamo che il Consorzio è pronto e a disposizione con idee, progetti anche a immediata fattibilità”.