mercoledì, 27 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

"Ci rivediamo ai tropici": il tormentone estivo in salsa olbiese-algherese

Angela Galiberti

Pubblicato il 21 agosto 2015 alle 19:46

condividi articolo:

Olbia, 21 Agosto 2015 – C'è un tormentone che, tra un passo e l'altro di danza, unisce in un sol colpo la Costa Smeralda alla Riviera del Corallo e non disdegna nemmeno spennellate di olbiesità, internazionalità e gioventù. Stiamo parlando di “Ci rivediamo ai tropici”, il vero e unico tormentone estivo che sta sbancando sul web e nel locale più in della Sardegna: il Billionaire.

Ci rivediamo ai tropici: un successo annunciato. Diciamolo subito: “Ci rivediamo ai tropici” è il risultato di talento, professionalità e quel pizzico di fortuna che non guasta mai. Il gruppo di artisti che sta dietro a questa fortunata canzone è formato da professionisti che da 20 anni e più calcano i palcoscenici sardi (e non solo!). Il testo è di Massimo Eretta, già autore di grandissimi successi. La musica è di Pino Ambrosio, l'arrangiamento è invece del 24enne Mirko Putzu: figlio del grandissimo fisarmonicista Francesco Putzu e nipote di Altamira, che si presta anche come cantante. Le altre due voci sono di Giampaolo Barceloneta e Sabrina Ruiu: 20 anni di amicizia, due stili differenti e una vita votata al canto. Mentre il video, girato nel ristorante golfarancino Gente di Mare, è di Kiko Solinas. In pochi giorni, “Ci rivediamo ai tropici” è diventato un tormentone: tutto merito della professionalità delle persone coinvolte, le quali sono riuscite a far letteralmente danzare insieme tutte le loro peculiarità e diversità artistiche. Tant'è che, alla fine, “Ci rivediamo ai tropici” è finita nelle mani di uno dei più importanti dj del mondo: Andrea T Mendoza, official dj del Billionaire e produttore di tantissimi successi.

Una telefonata e via, si decolla.Pino e Massimo avevano questo pezzo e mi hanno detto «Facciamo qualcosa di non algherese» – racconta Giampaolo Barceloneta – e ho detto subito di sì. Ci siamo messi in testa di fare un successo. Mirko, che ha curato l'arrangiamento, è un talento ed è molto giovane perciò vede oltre, ha dato un ritmo tutto suo alla canzone, un colore diverso. E poi c'è Sabrina, che entra nel momento giusto, dando una carica pazzesca”.

Sabrina Ruiu, 20 anni di sacrifici e passione per il canto, è la voce femminile de “Ci rivediamo ai tropici”. “Un giorno Giampaolo mi ha chiamata e mi ha chiesto se mi andava di fare un pezzo estivo ed io ho detto... perché no – dice Sabrina Ruiu –? Certo non pensavo che avesse tutto questo ritorno!”.

I protagonisti di questa storia di successo sardo sono assolutamente colpiti da quanto sta accadendo nelle loro vite. Barceloneta, Sabrina, Pino, Massimo, Mirko sono artisti da tantissimo tempo e hanno il loro seguito. La loro amicizia nasce più di 20 anni fa, durante “Una città per cantare”. Era il 1993 e i cantanti sardi professionisti, come li conosciamo oggi, non esistevano. E' merito di questo concorso, condotto da un giovanissimo Giuliano Marongiu, se oggi possiamo ascoltare una Carla Denule, una Giovanna Cherchi o un Giuseppe Serra. Ed è in quella occasione che Sabrina e Giampaolo si conoscono e diventano amici, nonostante la “rivalità”, ed è sempre grazie a questa amicizia, condita da tanta stima, se si è formato questo trio delle meraviglie che ha sfornato l'unico vero tormentone estivo della stagione 2015. La canzone è un successo sin dalla prima pubblicazione e il video, allegro e divertente, aiuta moltissimo nella sua diffusione. Poi arriva il botto, quello vero, grazie ad Andrea T Mendoza.

Mendoza e il Billionaire: e fu così che i sardi conquistarono il mondo. Andrea T Mendoza, dj famosissimo a livello internazionale, è l'official dj del Billionaire: è lui che decide che tipo di musica deve far ballare i vip nei locali di Flavio Briatore. Ed è sempre lui che ha preso in mano “Ci rivediamo ai tropici” e l'ha remixata, creando un vero successo da discoteca. “Ho sentito il progetto di Giampaolo e mi è piaciuto subito. Ho già fatto cose del genere con un sound latino, e questa canzone aveva un mood veramente particolare – racconta Andrea T Mendoza –. È stata una cosa fatta in velocità con delle strumentazioni che ho qua a Porto Cervo, non in studio che è a Venezia. L'idea però è sempre più forte della realizzazione in uno studio tecnico. Ho fatto delle prove, poi alla fine lavorandoci è arrivata. Le ho dato un vestito un po' diverso, per una destinazione differente, più adatta al ballo. Il testo è forte sull'inciso, io ho aggiunto un bel groove. Direi che è un bel cocktail. Risultato finale c'è perché è uno dei dischi più ballati da noi. La canzone stava già camminando da sola, questo è stato un ulteriore colpetto di energia”.

Voci di corridoio narrano folle di vip in delirio al suono di “Ci rivediamo ai tropici REMIX” e noi non fatichiamo a crederlo. Per Giampaolo, Sabrina e Mirko questa è sicuramente una grande soddisfazione, nonché un'occasione da non perdere. C'è da scommettere che tra i nostri artisti sardi e Mendoza nascerà qualche altro tipo di collaborazione. Intanto, bisogna godersi il meritato successo. Del resto Giampaolo Barceloneta, Sabrina Ruiu e Mirko Putzu sono gli unici artisti sardi valorizzati all'interno del Billionaire di Briatore: decisamente un colpaccio. Così com'è un colpaccio che la canzone remixata venga passata su Radio Internazionale Costa Smeralda.

Tutto iniziò con altro tormentone: Giuseppina. Barceloneta, però, non è nuovo a simili exploit. Il treno del successo è partito un po' di tempo fa con la mitica "Giuseppina": una canzone algherese, scritta anni e anni fa dall'ottantenne Antonio Cherchi, che insieme a “Ci rivediamo ai tropici” suonerà al Summer Beach di Alghero per ben 20 giorni. “Giuseppina è un successo clamoroso, in pochi giorni ha fatto 70mila visualizzazioni – dice con orgoglio Giampaolo Barceloneta –. Il video va su Catalan Tv e ormai mi riconosco anche per strada!”. Giuseppina è la storia di un pescatore che non riusciva mai a pescare nulla e che, a fine giornata, chiedeva alla moglie di arrostire qualcos'altro. Una storia della vecchia Alghero che non c'è più, ma che risuona nelle allegre note cantate da Barceloneta, algherese doc che ha unito la Riviera del Corallo alla Costa Smeralda passando per Olbia.

In copertina: Ci vediamo ai tropici ORIGINAL In basso: Ci vediamo ai tropici REMIX BY MENDOZA sabrina-barceloneta