lunedì, 12 aprile 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Acqua sempre più gialla. Si va verso il razionamento?

Acqua sempre più gialla. Si va verso il razionamento?
Acqua sempre più gialla. Si va verso il razionamento?
Angela Galiberti

Pubblicato il 03 novembre 2015 alle 10:09

condividi articolo:

Olbia, 03 Novembre 2015 - La gradazione di "giallo" varia da zona a zona, ma sta inesorabilmente peggiorando. Stiamo parlando dell'acqua che sgorga dai rubinetti olbiesi, ricca - secondo le analisi fatte da Abbanoa e Asl - di manganese e per questo non potabile. L'ordinanza firmata dal sindaco, Gianni Giovannelli, è ancora in vigore e rimarrà in vigore finché le analisi non diranno che i livelli sono tornati normali.

La situazione, intanto, preoccupa i cittadini che si ritrovano a dover usare l'acqua minerale in bottiglia per le esigenze di tutti i giorni. Preoccupa, inoltre, il meteo che non dà segni di "peggioramento". L'invaso del Liscia è sempre meno ricco di acqua e necessita di precipitazioni abbondanti per "riprendere fiato" e rifornire la Gallura. Il meteo, però, non dà tregua: temperature alte e pochissima pioggia stanno mettendo in ginocchio il sistema idrico del Nord Est Sardegna. Paolo Maninchedda, assessore regionale ai Lavori Pubblici, sul suo blog commenta così questa situazione:

Come ogni anno, questi sono i mesi più difficili per l’approviggionamento idrico. La natura ci ricorda che la Sardegna non è una regione ricca d’acqua e che occorre raccogliere, ben conservare e ben usare quella disponibile. La Gallura e il Nuorese cominciano a soffrire, e non poco. Per cui occorrerà a breve cominciare a prevedere restrizioni. Resta aperto il problema dell’utilizzo delle acque sotterranee. Non c’è consenso sul loro sfruttamento e io stesso ho molti dubbi. Tuttavia, non escluderei la possibilità di attingervi in caso di emergenza. Sono beni comuni, preziosi, intoccabili senza un ampio consenso e tante, tante e tante verifiche.

Prepariamoci, dunque, ai razionamenti dell'acqua. Ciò che Maninchedda non dice, però, riguarda le infrastrutture. A Tempio esiste una diga funzionante che non è in rete col sistema idrico, mentre sono tanti altri i progetti nati e mai portati a termine in Gallura per sfruttare le acque presenti. La Sardegna non è ricca di acqua come il Canada, ma l'acqua c'è e non è mai stata messa in rete o razionalizzata. Basti pensare alle fonti di acqua potabile di cui Olbia era ricca e che oggi sono andate perse.