domenica, 24 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Politica

Vertenza Air Italy: il Pd chiede consiglio comunale straordinario

Vertenza Air Italy: il Pd chiede consiglio comunale straordinario
Vertenza Air Italy: il Pd chiede consiglio comunale straordinario
Olbia.it

Pubblicato il 15 aprile 2019 alle 12:21

condividi articolo:

Olbia, 15 aprile 2019 - Giornata intensa, oggi, sul fronte continuità territoriale e dunque Air Italy con i suoi 550 posti di lavoro a rischio trasferimento.

Oggi, a Villa Devoto, vi sarà un incontro tra la Regione Sardegna e le due compagnie coinvolte in questo vero e proprio caos dei cieli.

Vi è in programma un sit-in dei lavoratori a Cagliari che ha lo scopo di manifestare tutta la preoccupazione di un territorio che rischia di perdere una delle più grosse aziende della Sardegna.

A tal proposito, il Partito democratico olbiese ha chiesto con urgenza la convocazione di un Consiglio comunale aperto dedicato proprio a questo tema.

"Le decisione di Alitalia di operare senza oneri crea un problema serissimo per la nostra città", spiega il Pd olbiese.

"E' infatti evidente che tali rotte nonhanno alcun significato strategico per Alitalia, che d'altra parte nonle ha mai operate, mentre hanno un importanza fondamentale per AirItaly che se non può volare la totalità dei collegamenti con un minimodi remunerazione, potrebbe essere costretta a rivedere totalmente ilsuo disegno di rete e abbandonare completamente Olbia", sottolinea il partito in una nota stampa.

Per il Pd non bisogna arrendersi: "E' fondamentale che nulla sia lasciato intentato a livello comunale eregionale per salvaguardare i lavoratori di Air Italy presenti sulnostro territorio".

"Deve essere denunciata con forza la posizione diAlitalia che amplifica la sua rete, ovviamente in perdita, distorcendodi fatto il mercato, utilizzando quelli che sono evidenti aiuti distato", rincara il Pd.

"Se il governo Italiano decide di aiutare Alitalia per noicittadini di Olbia è un problema di secondaria importanza ma diventaintollerrabile che questo aiuto sia strumentale a danneggiare ilsecondo vettore Italiano con base qui ad Olbia", conclude la nota stampa.