mercoledì, 14 aprile 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Ricci di mare a rischio estinzione: "non pescateli, non mangiateli"

Ricci di mare a rischio estinzione:
Ricci di mare a rischio estinzione:
Olbia.it

Pubblicato il 29 ottobre 2019 alle 14:48

condividi articolo:

Olbia, 29 ottobre 2019 - Nuovo allarme del Gruppo di Intervento Giuridico che, questa volta, si concentra sul destino dei ricci di mare: un simpatico animale marino che, secondo il Grig, rischia di scomparire.

"Come valutare la pessima politica ambientale della Regione autonoma della Sardegna per la tutela del Riccio di mare (Paracentrotus lividus) - attacca l'associazione -?Il Riccio di mare è in via di rapida rarefazione in particolare nei mari sardi a causa del pesante prelievo a fini gastronomici, tant’è che sempre più ristoratori, giustamente, li escludono dai propri menù".

Il problema, secondo il Grig, non sarebbe solo la pesca autorizzata: anche l'abusivismo è uno dei fattori che porta alla diminuzione degli esemplari.

"Imperversa, poi, il prelievo abusivo e non si contano i sequestri da parte delle Forze dell’ordine - continua la nota stampa -.Sono ancora allo stadio sperimentale gli allevamenti di Ricci.La situazione è davvero grave e necessita forti misure di salvaguardia, quantomeno la sospensione della raccolta dei ricci per almeno tre anni".

La critica del Grig non va solo all'attuale governo regionale, ma anche a quello precedente.

"La scorsa primavera l’allora l’Assessore regionale dell’agricoltura Pierluigi Caria invece assurdamente prorogò, su richiesta dei pescatori interessati, la raccolta dei Ricci di mare per ulteriori 15 giorni (Decreto dell'Assessore dell'Agricoltura e della Riforma Agro-pastorale del 11 aprile 2018, n.925/DECA/18)", specifica l'associazione.

"Ora l’attuale Assessore regionale dell’agricoltura Gabriella Murgia, con il proprio decreto del 24 ottobre 2019, n.2358/DecA/47 del 24 ottobre 2019, autorizza la raccolta di 2 mila ricci al giorno per ogni pescatore professionista fino al 15 aprile 2020, incurante delle richieste di moratoria provenienti da più parti, fra cui le Amministrazioni comunali di S. Antioco, Calasetta, Portoscuso.Follia", aggiunge il Grig.

L'associazione ha una sola e unica richiesta per la Regione: "Il Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ribadisce la propria richiesta di sospensione della pesca del riccio di mare per almeno tre anni e fa appello a tutte le persone sensibili e ai ristoratori: non consumiamo Ricci di mare".