lunedì, 08 marzo 2021

Informazione dal 1999

Cronaca, Bianca

Raddoppio circonvallazione: un appalto da 90 milioni e 4 anni di lavori

Primo step: progettazione e impatto ambientale

Raddoppio circonvallazione: un appalto da 90 milioni e 4 anni di lavori
Raddoppio circonvallazione: un appalto da 90 milioni e 4 anni di lavori
Angela Galiberti

Pubblicato il 22 gennaio 2021 alle 06:00

condividi articolo:

Olbia. Tempo di gare d'appalto e progetti milionari per il Consorzio Industriale Provinciale del Nord-Est Sardegna: tra i grandi lavori pensati dal Cipnes non ci sono solo l'impianto che produrrà biogas a Spiritu Santu, la Piattaforma Tecnologica Europea e la pista ciclopedonale fotovoltaica, c'è anche un'infrastruttura di cui si parla da tempo e che ora, finalmente, vede la luce in fondo al tunnel. Stiamo parlando del raddoppio della circonvallazione di Olbia: arteria fondamentale sia per decongestionare il traffico cittadino, sia per i collegamenti commerciali diretti in Zona Industriale, al Porto Cocciani, al Porto Isola Bianca e allo scalo di Golfo Aranci.

Come scritto poc'anzi, del raddoppio di questa infrastruttura si parla da anni, ma finalmente è stato fatto un passo concreto nella direzione giusta: in seguito alla sottoscrizione di un accordo con la Regione Sardegna, il Cipnes ha potuto pubblicare un avviso di preinformazione che preannuncia la gara per la “Redazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica e dello studio di impatto ambientale”. Secondo quanto si legge nel documento, questa imminente gara d'appalto ha un valore di 1.191.930 euro, mentre il bando vero e proprio sarà pubblicato il 15 febbraio 2021.

“L'intervento consiste nella redazione del progetto di fattibilità tecnica-economica e studio di impatto ambientale relativo al completamento della circonvallazione del Ovest del centro urbano di Olbia definito dai seguenti elementi: punto di congiungimento con la viabilità esistente della SS 131 Dcn posto nell'intersezione con la SS 199 Olbia-Monti nello svincolo a livello sfalsati già esistente; prima parte del nuovo asse stradale in sovrapposizione con il tracciato esistente già realizzato dal Consorzio industriale provinciale Nord-Est Sardegna – Gallura di Olbia, questa prima parte ha una lunghezza di 5.299,87 m fino all'intersezione con la strada Olbia-Tempio (Svincolo Santa Mariedda); seconda parte del nuovo asse stradale, di nuova impostazione, congiunge lo svincolo di S.Mariedda con la SS 125, nello svincolo di Olbia Nord, con una lunghezza complessiva di m 5.336,24”.

Imponente la dotazione finanziaria: parliamo di 90 milioni di euro, provenienti dal Piano Operativo FSC 2014-2020. “Come attuale proprietario e gestore dell'infrastruttura, il Cipnes assumerà il ruolo di soggetto attuatore per la fase di progettazione (definitiva ed esecutiva) e per la fase di realizzazione e gestione dell'intervento, così come previsto dalla Convenzione sottoscritta con la Regione. L’iter prevede la realizzazione della nuova circonvallazione in quattro anni, a partire dall’indizione della procedura di gara, che richiede 60 giorni di tempo. L’aggiudicazione provvisoria prevede 90 giorni, l’aggiudicazione definitiva 30 giorni; la stipulazione del contratto 45 giorni; l’esecuzione 1080 giorni; il collaudo 60 giorni; la funzionalità 30 giorni”, spiega il Consorzio Industriale.

Gli obiettivi che si vogliono raggiungere con questa opera infrastrutturale vengono elencati del PUM (Piano Urbano della Mobilità) del Comune di Olbia: “L'obiettivo è di migliorare le condizioni di deflusso veicolare, attraverso l'aumento della velocità e della regolarità di marcia. In secondo luogo, s'intende spostare i flussi veicolari di attraversamento del centro urbano di Olbia lungo la direzione Nuoro-Arzachena verso una rete viaria esterna adeguatamente dimensionata per garantire elevati livelli di servizio. L'arteria ha anche funzione di strada primaria urbana a servizio del centro di Olbia: infatti, essa raccoglie e distribuisce prevalentemente il traffico di scambio fra i territori urbano ed extraurbano disimpegnando inoltre il traffico di transito rispetto all'area urbana”.

Secondo quanto riportato nel Pum, la nuova circonvallazione sarà caratterizzata da due tratti differenti: nella prima parte, ricalcherà il tracciato esistente mentre nella seconda parte sarà di nuova impostazione e sarà realizzata in un'area a destinazione agricola. Il vecchio tracciato rimarrà a disposizione della viabilità olbiese.

Nell'idea generale, la nuova circonvallazione dovrebbe connettersi anche alla nuova 4 corsie per Arzachena: anche quest'ultima un'infrastruttura di cui si parla da anni, ma che fatica a partire con il suo percorso di realizzazione.