Da 637 giorni 12 ore 24 minuti 24 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Edilmass orizzontale
Eventi

Palau,”Isole che parlano”: il territorio emoziona con i grandi eventi

Spesati orizzontale offerte

Palau, 26 agosto 2019 – La città di Palau è pronta ad ospitare ancora una volta, un appuntamento che avrà come protagonista la grande musica, e interessanti eventi.

Dal 2 all’8 settembre prossimo, potremo assistere al Festival internazionale “Isole che Parlano”. Si avrà modo di scoprire la campagna, il mare e  il centro urbano di Palau. Scorci di territorio   in cui la  manifestazione avrà modo di coinvolgere il pubblico  con tante iniziative, emozionanti.

Morostesa 2019

Il Festival è  a cura dei fratelli Paolo e Nanni Angeli, che hanno sviluppato un vasto programma culturale,  in cui la creatività mira a valorizzare e far conoscere al  grande pubblico, il prezioso patrimonio  di queste terre.

Si avrà modo di ascoltare  il trio francese l’Étranglesuse – composto da Mélanie Virot (arpa, voce), Maël Salètes (chitarre, voce) e Léo Dumont (batteria) in un doppio concerto sabato 31 agosto alle 21:30 alla Chiesa di Santa Maria della Neve di Arzachena (SS). Un appuntamento questo, realizzato in collaborazione con il Comune di Arzachena e Arzachena Summer Festival 2019; domenica 1 settembre ci si sposta   a San Sperate (SU),  per una interessante coproduzione realizzata con Associazione No Arte paesemuseo in un ideale ponte  tra Nord e Sud Sardegna. Verranno proposte melodie fusion tra desert, influenze nord africane e canzone francese.

Il 5 settembre  i numerosi  ospiti della sezione Isole che parlano di musica, ci faranno entrare  nel vivo del Festival,  e si avranno esibizioni  tra fari, calette, fortezze e rocce granitiche, tombe dei giganti e chiesette campestri.

Ce ne sarà per tutti i gusti: il minimalismo e il post folk del duo Balladeste (India/Regno Unito), il pop elettronico d’avanguardia di Josin (Germania), le improvvisazioni per oud sulle scale modali della Persia di Yasamin Shah-Hosseini (Iran), l’elegante incontro musicale tra melodie tradizionali kurde, jazz arabico e atmosfere scandinave di Ma Rouf (Kurdistan/Finlandia), l’incontro tra la tradizione del Tenore Murales di Orgosolo (Sardegna) e la magia delle voci bulgare del Trio Evridika

Al grande reporter italiano Fausto Giaccone verrà dedicata “Isole che parlano di fotografia”, e”Sardegna e altri continenti. Fotografie 1967-1977″ è invece la  mostra realizzata grazie all’ Associazione Ogros,  che prenderà il via dal prossimo  5 settembre, sino al   30 settembre venturo.

Ecco il  programma nel dettaglio  di “Isole che parlano”

Isole che parlano di musica:
5 settembre ore 18:30, alla Fortezza di Monte Altura, Balladeste (India/Regno Unito), con il  Concerto al tramonto.

6 settembre, alla Tomba dei Giganti “Li Mizzani” ore 11:00, troveremo il violoncello di Tara Franks .Nel pomeriggio, per l’appuntamento Risacca – alle 18:30 nella bellissima Cala Martinella – saranno, invece, insieme Preetha Narayanan (violino) e Yasamin Shah-Hosseini (oud). La giornata di venerdì si chiuderà, infine, a Punta Palau ,località Porto Faro, ore 21:30, con il concerto Al Faro, di uno degli ospiti più attesi di questa edizione: la tedesco/koreana Josin.

Sabato 7 settembre, appuntamento  con il tradizionale appuntamento dell’incontro/lezione alla Chiesa campestre di San Giorgio, dove quest’anno saranno ospiti Marouf Majidi, Yasamin Shah-Hosseini, il coro di voci bulgare Trio Evridika e il Tenore Murales de Orgosolo, che discuteranno sul tema Margini di Libertà. A seguire, alle 12:45, incontreremo il tenore Murales de Orgosolo e al Trio Evridika, che ritroveremo anche  nel pomeriggio  alle ore 17:00, per la suggestiva processione profana accompagnata dalle musiche tradizionali e la sonorizzazione della Roccia dell’Orso dedicata a Pietro Sassu e Mario Cervo. L’appuntamento, dal titolo “Di Granito XIV Edizione”, è patrocinato dall’I.S.R.E. Istituto Superiore Regionale Etnografico e realizzato in collaborazione con Archivio Mario Cervo e Itinere s.n.c. La sera, alle 22:00, ci si sposta nella spiaggia di Palau Vecchio per il concerto dei Ma Rouf. 

Domenica 8 settembre, giorno conclusivo del Festival,  arà l’appuntamento Saluto al mare, in programma alle 18:30 nella spiaggia di Palau Vecchio, a salutare il pubblico di questa XXIII edizione con il concerto solo di Yasamin Shah-Hosseini. 

Da ricordare anche la sezione musica di notte, con Dj Zeta, Music is my boyfriend, Jimmy Jaguar (dal 5 all’8 settembre al Grillo Parlante, Il vecchio Pirata).

Isole che parlano di fotografia
La  XXXIII edizione del Festival internazionale “Isole che Parlano” omaggia  il grande fotografo Fausto Giaccone, considerato per le sue immagini rappresentative di un’epoca, quale  testimone di mezzo secolo di storia, con le sue immagini senza tempo.

Presso il Centro di Documentazione del Territorio dal 6 al 30 settembre prossimo, inaugurazione  il 5 settembre , al via un’interessante retrospettiva dal titolo “Sardegna e altri continenti (1967-1977)”, che esporrà circa settanta immagini in bianco e nero, realizzate in Italia e all’estero, con stampe, da negativo e digitali, di varie dimensioni.

In occasione della serata inaugurale di giovedì 5, alle ore 22:00, Fausto Giaccone terrà un incontro/lezione aperto al pubblico dal titolo “Riflessioni sull’etica di un mestiere”.

A partire dall’11 settembre,prenderanno il via le visite guidate per le scuole “Il suono dell’immagine” a cura di Nanni Angeli, co-curatore, insieme a Giaccone, della mostra.

Isole che parlano ai bambini
Ma ad aprire la settimana del Festival sarà, come di consueto, la sezione pensata per il pubblico più giovane: “Isole che parlano ai bambini”, piccolo/grande festival per l’infanzia e l’adolescenza.

Quest’anno con i “laboratori a misura di bambini e ragazzi” ci si tufferà nel mare, riscoprendo i nostri corpi e la creatività racchiusa in ogni nostro movimento, si diventerà acqua di mare, o meduse arcobaleno, con il laboratorio “A danzare le storie!” a cura di Manuela Lops e Teresa Tota delle Associazioni boaOnda e Qualibò.

Con il laboratorio “Album di Famiglia”, a cura di Armida Gandini in collaborazione con la Fondazione PInAC di Brescia si frugherà nei cassetti alla ricerca di una fotografia, ricordo di un momento significativo della propria vita, per costruire un racconto con matite, fili e stoffe.

Si andrà alla scoperta dei   segreti e la storia della fotografia di una volta, quella  fatta di rullini, di odori, di bianchi e neri, di liquidi e carta, immergendosi nella magia della camera oscura con il laboratorio “Fotosensibile” a cura di Fabian Volti e Stefania Muresu, in collaborazione con l’Associazione 4CaniperStrada.

I pomeriggi saranno dedicati ai piccolissimi e ai loro genitori con gli “Assaggi di laboratori” con il laboratorio di letture condivise e prove di stampa “C’è impronta e impronta e le letture itineranti A spasso con Lionni!”, omaggio alla poesia degli albi illustrati di Leo Lionni, in occasione dei 20 anni dalla morte dell’autore.

La tre giorni di creatività si concluderà il 4 settembre prossimo, con una serata dedicata alla condivisione pubblica dei percorsi laboratoriali.

Le iscrizioni ai laboratori saranno aperte a partire da lunedì 26 agosto.

Isole che parlano di sapori
Non poteva mancare a  Palau anche lo speciale programma tutto rivolto alla scoperta dei  sapori del territorio. Degustazioni  e assaggi enogastronomici che porteranno il  pubblico del Festival in un viaggio del gusto e delle  eccellenze dei prodotti tipici della Sardegna.

Al via quindi  il 5 settembre prossimo  alle 21:30, con l’inaugurazione della mostra “Sardegna e altri continenti (1967-1977)”, e con una degustazione guidata di vini di piccoli produttori sardi, a titolo “Momenti DiVini”.

Il 7 settembre alle 12:15 presso la Tomba dei Giganti “Li Mizzani”, si potrà partecipare alla degustazione guidata di miele a cura di Apiaresos Apicoltori di Sardegna e alla presentazione della bottiglia idromele Liune “Isole23″. La manifestazione avrà la sua conclusione sabato 9 settembre alle 13:15, presso la Chiesa Campestre di San Giorgio con l’”aperitivo campestre” accompagnato da una selezione di eccellenze enogastronomiche del territorio.

Tanti appuntamenti da seguire per coinvolgere i nostri sensi, attraverso questo splendido territorio, che è sempre fonte di nuove indimenticabili emozioni.

 

Geasar Aeroporto Olbia destinazioni 2019 londra verona amsterdam barcellona 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Phone Doctor riparazione smartphone tablet olbia sardegna via mameli damasco assistenza vendita
Commenti


Virali

Morostesa
In Alto