sabato, 03 dicembre 2022

Informazione dal 1999

Cronaca, Bianca

Olbia, Vanna Sanciu terza classificata al Premio Logudoro

La poesia della pluripremiata Vanna Sanciu

Olbia, Vanna Sanciu terza classificata al Premio Logudoro
Olbia, Vanna Sanciu terza classificata al Premio Logudoro
Olbia.it

Pubblicato il 22 novembre 2022 alle 19:07

condividi articolo:

Ozieri. Si è svolta sabato 19 novembre - al teatro comunale O. Fallaci di Ozieri - la cerimonia di premiazione Premio Logudoro Ozieri 2022, alla quale hanno partecipato numerosi poeti galluresi. Terza classificata, nella sezione a tema imposto, in rima, Vanna Sanciu, Buddusò-Olbia, (la poesia Isperas de 'eranu è scritta sotto).

L'elenco dei premiati nelle diverse sezioni. Poeti galluresi premiati: Andrea Columbano, premio "ottava bella", Calangianus, poesia Turratu è lu branu, nella sezione a tema imposto, in rima; Gigi Angeli, primo premio nella sezione "Salvatore Bertulu", poesia a tema libero, Palau, poesia guttiggji; Giovanni Piredda, Calangianus, menzione d'onore nella sezione Gigi Sotgia "Contos noos", prosa Naracu mannu; Angelo Contini di Arzachena, menzione d'onore nella sezione Poesia a tema libero poesia Un culcatoggiu di caltoni; Menzione al poeta di Buddusò Antonio Sanciu, nella sezione poesia a tema libero. L'evento è stato trasmesso su Youtube.

 

Isperas de ‘eranu
At nuscos beraniles
s’ispera de sa paghe
in sos cuzolos de coros istracos
pro  gherras de sos viles
sempr’ a su faghe faghe,
nde pesant cuntierras de sos macos;
de s’iscuru segnores,
intzitant abriores,
distruent logos cun malos intacos.
Fit longu cust’ierru,
fit pioende penas de s’inferru.
 
Torrend’ est su ‘eranu,
acudint a su nidu 
sas rùndines  in bolos de amore, 
mi paret un’arcanu
chi deret’ apant bidu
sos fràigos lassados in s’albore;
fuidas pro bisonzu
a su menzus camponzu
in cussas terras brivas de astrore.  
Est una bon’aura
pro sos chi  sunt vivend’ in amargura.
 
 
 
 
 
 
 
Su sol’ est  fiorende
s ’àlvore de sa corte,
faeddat  sos piseddos a su giogu;
su mundu est annoende,
bastat contos de morte,
s’intendet de faddinas un’atrogu,
sonos de solidade,
ànimas de beltade
ch’in tintas birdes ant pintadu grogu.
Colade su pinzellu,                      
imbentad’ unu mundu pius bellu.
Vanna Sanciu