Da 739 giorni 13 ore 38 minuti 39 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Edilmass orizzontale
Cronaca Olbia

Olbia, traffico cocaina: ecco come l’Arma ha incastrato la banda

Nomasvello Olbia 1085

Olbia, 03 febbraio 2020 – Pedinamenti, appostamenti, fotografie con il teleobiettivo: un lavoro paziente, partito da una rapina avvenuta nel 2016 a Padru, che ha portato a 15 persone in carcere e a un obbligo di dimora nella città di Olbia. Questa, in breve, è l’operazione Barber Shop scattata all’alba di oggi.

La maggior parte delle persone sottoposte alla custodia cautelare è olbiese, come è olbiese il presunto “capo” della presunta organizzazione dedita al traffico di stupefacenti.

ENI di Paolo Pisanu

Sedici, invece, le perquisizioni portate a termine questa mattina sempre durante l’operazione scattata all’alba che ha visto tra i protagonisti anche un elicottero decollato da Venafiorita.

Secondo la ricostruzione dei Carabinieri di Olbia – le indagini sono state condotte dal Nucleo Operativo Radio Mobile – i canali di approvvigionamento della presunta organizzazione erano tre da tre Regioni diverse: Calabria, Lazio e Campania.

Da queste tre Regioni sarebbe arrivata la cocaina utile a rifornire il fiorente mercato olbiese. Un mercato ricchissimo a giudicare dagli ingenti sequestri avvenuti negli ultimi anni.

Per ricostruire la presunta attività illecita sono state usate sia le intercettazioni che i metodi tradizionali: questi ultimi non di facile applicazione quando l’Arma ha avuto a che fare con l’aperta campagna.

Per concordare l’arrivo delle partite di cocaina, secondo gli investigatori, sarebbero stati compiuti diversi incontri all’aperto, in luoghi insospettabili: stradine di campagna, autolavaggi, distributori di benzina, parcheggi.

Incontri debitamente documentati dall’Arma con appositi filmati e fotografie.

Non solo: i militari hanno più volte individuato i nascondigli dello stupefacente. In diverse occasioni, i Carabinieri hanno trovato nascosta la droga in posti particolari come in località Raica o a Tilibbas.

Non è la prima inchiesta con la quale si scopre che tra i nascondigli prediletti degli spacciatori e dei trafficanti vi sono gli spazi verdi cittadini. Non solo aperta campagna, ma anche aree limitrofe all’abitato.

Prink 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Commenti


Virali

Prink 1400
In Alto