Saturday, 22 June 2024

Informazione dal 1999

Arte e Spettacolo, Cultura

Olbia, la ripresa post-pandemia del ballo latino americano: il racconto di un'insegnante

Cresce l’interesse per il ballo latino nel post-Covid

Olbia, la ripresa post-pandemia del ballo latino americano: il racconto di un'insegnante
Olbia, la ripresa post-pandemia del ballo latino americano: il racconto di un'insegnante
Olbia.it

Pubblicato il 12 November 2023 alle 12:00

condividi articolo:

Olbia. Negli ultimi tempi, nel settore sportivo e della danza, sembrerebbe essere in crescita la passione per il mondo del latino americano. A sostenerlo una delle insegnanti locali di balli caraibici, conosciuta come “la regina della salsa” per le sue origini cubane.

Dopo anni di studi condotti nelle migliori scuole d’arte a La Havana, Kenia Fundora inizia la sua carriera da ballerina professionista, prima con un gruppo che interpreta spettacoli per rappresentare la cultura cubana e i suoi balli folkloristici in diversi Paesi del mondo, poi, in Italia, collaborando con il famoso gruppo Los Locos, ospite su Rai Uno e Mediaset, ballando sulle note della canzone “Mueve el cuerpo” e con la cantante Cecilia Gayle, coreografando il tormentone “El Pam Pam”.

Arrivata in Sardegna per la curiosità di conoscere le bellezze dell’Isola, che per un verso le ricordano quelle della sua amata Cuba, trova l’amore e non la lascia più. Inizia a lavorare come insegnante e porta ad Olbia per la prima volta la cultura delle danze caraibiche: Salsa, Bachata, Merengue, Rumba, Cha Cha Cha e balli Afro-Cubani.

“All’inizio è stato molto difficile perché non c’era la cultura del ballo latino, ma pian piano, anno dopo anno, si sono visti sempre di più i risultati e sempre più persone si sono appassionate e continuano ad affascinarsi a questo genere per l’allegria e il coinvolgimento che è capace di trasmettere” dice la maestra.

Con il Covid anche il ballo latino americano, come tutte le attività sportive, ha avuto un crollo dettato dalla chiusura delle palestre. Ma questo non ha fermato l’entusiasmo né degli allievi, né degli insegnanti che si sono da subito attivati per proseguire con le lezioni dei corsi a distanza in modalità online. Con la fine dell’emergenza sanitaria e la riapertura delle palestre, sono ricominciati i corsi di danza in presenza, anche se con l’utilizzo dei dispositivi di sicurezza previsti dalle normative vigenti.

La ripresa è stata graduale, spiega l’insegnante: “all’inizio un po’ titubante a causa della paura collettiva dei contagi, ma poi sempre più rapida perché la gente aveva tanta voglia di libertà e questo tipo di danza, con la sua musicalità, il suo ritmo e i suoi colori e sensualità è capace di portare allegria e leggerezza e di scacciare i pensieri e le preoccupazioni, oltre che favorire il benessere del fisico e la socializzazione, trattandosi per lo più balli di coppia. Nonostante la pandemia e tutto quello che ha comportato, sono persino riuscita a realizzare un sogno che ritenevo impossibile; aprire una mia palestra”. Una passione, quella latina, adatta a tutti: bambini, ragazzi, giovani e adulti. A dimostrarlo, i locali olbiesi dove si balla la musica latino americana strapieni.