sabato, 03 dicembre 2022

Informazione dal 1999

Cultura, Storia

Olbia, Art-Port-Gallery all’aeroporto Costa Smeralda: ecco la mostra

La mostra all'aeroporto di Olbia

Olbia, Art-Port-Gallery all’aeroporto Costa Smeralda: ecco la mostra
Olbia, Art-Port-Gallery all’aeroporto Costa Smeralda: ecco la mostra
Olbia.it

Pubblicato il 24 settembre 2022 alle 11:05

condividi articolo:

Olbia. Destagionalizzare la proposta turistica della Sardegna attraverso itinerari di viaggi culturali ed esperienziali che si snodano dal sud al nord dell’isola: questo uno degli obiettivi primari del neonato network di aziende di servizio operanti nel settore dei beni culturali. È questo l’intento di venti siti e musei archeologici costituiti in rete con il territorio nel quale operano e coordinati dall’editore Carlo Delfino che, da decenni, contraddistingue la propria produzione su temi incentrati sull’archeologia.

Si legge nella nota: "Un modello virtuoso che coinvolge l’intera regione. Venti imprese del settore turistico-archeologico e paesaggistico unite nell’intento di costruire, ciascuna nelle province in cui ognuna opera, una rete di servizi integrati e complementari al servizio della migliore accoglienza turistica nel rispetto e conoscenza del patrimonio culturale materiale e immateriale della Sardegna. Smart perché immediata, veloce, intuitiva deve essere la possibilità di fruire dei servizi della rete e dei contenuti che si propongono. Smart perché facili e comprensibili devono essere i contenuti culturali e scientifici che si divulgano. Con questi intenti la rete Smart, in collaborazione con il Sardegna Ricerche, sta lavorando ad un progetto di creazione di sviluppo possibile che si articola nella partecipazione alle più importanti fiere del settore, con la creazione di un sito web di riferimento, con una mostra itinerante che esibisce elementi connotanti la civiltà nuragica attraverso l’elaborazione sperimentale dell’artista Carmine Piras".

"Così, gli eroi dei bronzetti nuragici, le loro armi e le figure chiave della cultura dell’età nuragica, prendono vita e colore in tutta la loro magnificenza in una mostra che ricostruisce e riproduce ciò che l’archeologia ha restituito e il tempo conservato. Non deve stupire la meraviglia nei visitatori in transito in aeroporto, nel vedere brillare d’oro i bronzetti, il luccichio delle spade e dei pugnali o l’accuratezza delle foggiature scolpite. La mostra accoglie i visitatori in transito nella sala museale dell’Art-Port-Gallery dell’aeroporto Costa Smeralda di Olbia, visitabile dal 13 al 27 settembre".

"Un modo accattivante e di immediata comprensione per incuriosire e far conoscere la storia più antica della Sardegna. Un modo per suggerire che vale la pena considerare che la seconda isola più grande del Mediterraneo, si può visitare tutto l’anno. Queste le imprese: Carlo Delfino Editore, capofila, Antarias, Soc. Coop. di Siliqua (CA), Archeotour, Soc. Coop. Sant’Antioco (SU), Cooltour, Soc. Coop. Santa Teresa di Gallura (SS), Ecomuseo dell’Alto Flumendosa Seuolo, Soc. Coop. Seulo (NU), Esedra, Soc. Coop. Macomer (NU), Forum Traiani, Soc. Coop. Fordongianus (OR), Il Coccio, Soc. Coop. Villanovafranca (SU), Il lichene rosso, Soc. Coop. Villamar (SU), Is Janas, Soc. Coop. Orroli (CA), Old Sardigna, Soc. Coop. Silanus (NU), Paleotour, Soc. Coop. Abbasanta (OR), Penisola del Sinis, Soc. Coop. Cabras (OR), Perda Iddocca snc di Mariano Corongiu &C. – Laconi (OR), La Pintadera, Soc. Coop. Perfugas (SS), Setin arl, Soc. Coop. Sedini (SS), Start-Uno, Soc. Coop. Fluminimaggiore (SU), Turismo in Marmilla, Soc. Coop. Villanovaforru (SU), Villa Abbas, Soc. Coop. Sardara (SU), Viseras, Soc. Coop. Orroli (NU)", conclude la nota.