martedì, 24 maggio 2022

Informazione dal 1999

Politica

Marino: 38% mezzi pesanti non in regola, Motorizzazione a rischio paralisi

"Dato allarmante e non trascurabile", dice Marino

Marino: 38% mezzi pesanti non in regola, Motorizzazione a rischio paralisi
Marino: 38% mezzi pesanti non in regola, Motorizzazione a rischio paralisi
Olbia.it

Pubblicato il 04 maggio 2022 alle 15:21

condividi articolo:

Olbia. Il 38% dei mezzi pesanti che circolano sulle strade della Sardegna non è in regola. L’Isola detiene il triste primato in Italia di Regione con la percentuale più elevata di mancate revisioni dei veicoli pesanti: è uno degli effetti dell’ormai insostenibile condizione degli uffici periferici della Motorizzazione Civile della Sardegna emersi dalla recente analisi eseguita dal Ministero delle Infrastrutture.

A denunciare i dati inquietanti rilevati dal Ced del Mit è Nardo Marino, parlamentare del Gruppo Misto: in una interrogazione all’attenzione del Ministro dei Trasporti, Marino evidenzia come la Sardegna sia la Regione con la percentuale più bassa di veicoli circolanti in regola.

“Si tratta di un dato allarmante e non trascurabile – dichiara il parlamentare sardo anche componente della Commissione Trasporti-. Ogni giorno, nella nostra Isola, circolano mezzi pesanti sui quali non sono stati effettuati i controlli obbligatori per verificarne integrità e sicurezza”. L’interrogazione di Marino, nel sottolineare il rischio paralisi della Motorizzazione Civile in Sardegna, impegna il Governo ad assumere iniziative immediate per ridurre gli enormi ritardi nelle revisioni. “E’ necessario intervenire rapidamente per sbloccare questa situazione che – sottolinea Nardo Marino -  espone a grave rischio gli autotrasportatori, per le possibili  responsabilità derivanti dalla mancata verifica delle condizioni del veicolo, e che mina la sicurezza dell’intera comunità”. 

I dati del  Ced del Ministero evidenziano come nelle province sarde i tempi di attesa per le revisioni siano diventati ormai insostenibili, i più alti d’Italia. Il parlamentare sardo si è occupato più volte della situazione della Motorizzazione Civile nell’Isola, con sedi quasi prive di organico: all’origine di questo nuovo atto ispettivo v’è una richiesta di aiuto che arriva direttamente dalla Direzione centrale della motorizzazione.

Ai ritardi nelle revisioni si aggiungono quelli gravissimi nell’esecuzione degli esami per la patente e che – ancora una volta – vedono la Sardegna in cima alla lista delle regioni italiane con più candidati in attesa di esame: sia per il trasporto merci sia per quello delle persone, si contano diverse migliaia di candidati in attesa di svolgere gli esami di teoria o quelli di guida. Nell’interrogazione Marino evidenzia il problema di base: la pianta organica degli UMC sardi è ridotta all’osso.

“A quanto ci risulta – commenta Marino -  gli esaminatori degli esami pratici per il conseguimento della patente arrivano in missione da altre regioni. Un elemento che conferma l’esistenza di una situazione al collasso e sulla quale non è più rinviabile un intervento risolutore del Ministero. In attesa dei bandi di concorso per l’assunzione di personale per il MIT – osserva il parlamentare - si potrebbe dar atto a nuove convenzioni con gli enti che dispongono di una graduatoria ancora attiva per marginare l’emergenza degli UMC e investire sui corsi interni per la formazione di esaminatori”.