sabato, 16 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Laboratorio gratuito di azione teatrale e allenamento prepugilistico

Laboratorio gratuito di azione teatrale e allenamento prepugilistico
Laboratorio gratuito di azione teatrale e allenamento prepugilistico
Olbia.it

Pubblicato il 22 ottobre 2012 alle 11:40

condividi articolo:

La compagnia teatrale Deamater presenta il laboratorio gratuito di azioneteatrale e allenamento prepugilistico per ragazzi e ragazze dai 13 ai18 anni. Il laboratorio, finanziato dall’assessorato al polo culturale edall’assessorato al polo sportivo del comune di Olbia.

Dal 24 ottobre ogni mercoledì e venerdì dalle 16 alle 20 presso il museo archeologico- Molo Brin - Olbia.

Il laboratorio ripercorrerà il lavoro preparatorio effettuato per larealizzazione dellospettacolo “Knock out, fuori i secondi” prodotto da Deamater incollaborazione con la palestra di boxe G.B. Martellini, che riandràin scena ad Olbia nel mese di Dicembre con la regia di NicolòColumbano e la preparazione atletica curata dal pugile olbiese NicolaConti.

Il progetto

L'accostamento di teatro e boxe ad uno sguardo di superficie puòapparire quantomenocome inedito ma in realtà entrambe le arti condividono molti aspettiin comune chepossono essere utilizzati efficacemente sia nell'ambito dellaprevenzione che della lottacontro le diverse forme di bullismo. L’attività teatrale infatti raccoglie tutte le energiedell'individuo, anche quelle negative,trasformandole attraverso il gioco della recitazione.

Attraversoquesta, i ragazzi hanno lapossibilità di mettere in azione la propria anima, di esprimere lapropria energia, dicreare un gruppo, di collaborare tra coetanei in un gioco di squadraquale il teatro è. Il teatro educa il giovane al senso della misura, alla conoscenza deipropri ed altruispazi, del proprio corpo e di quello altri, arricchisce la fantasia ela cultura, stimola ildiscente nel provare nuove strade e nuovi orizzonti, ad ampliare ilproprio pensiero inuna prospettiva dialogica, creando un sistema di valori in cui ilrispetto dell'altro ècondizione essenziale e primaria per il rispetto di sé e della propriaidentità che si vienea configurare come essenzialmente relazionale.

Analogamente al palcoscenico il quadrato del ring diventa il luogodove ricercare l’appagamento della platea che si manifestanell’applauso e nella vittoria, una sorta di catarsi che conferma la stabilità dell’individuo.

Attraverso la disciplina del pugilato, incui è centrale come in quella del teatro il riconoscimento dellafigura del maestro -pedagogo, che insegna un cammino fatto di pazienzae umiltà per il raggiungimento degli obiettivi, il pugile compie unpercorso di riabilitazione ed una conversione liberatrice di energiepsichiche potenzialmente negativi apprendendo che la vittoria è ilrisultato della preparazione fisica e mentale a cui l’atleta si èsottoposto e in cui l'avversario non è il nemico ma l'opportunitàper superare i propri limiti individuali.

Il connubio della pratica di teatro e boxe per affrontare il bullismonon ha l'obiettivo né di trasformare i ragazzi in pugili o attori,questo lo potrà dire il tempo e il talento di ciascuno, ma li aiuterà a vivere fin da subito rispettando il prossimo e leproprietà altrui oltre che se stessi.

Per info e iscrizioni:[email protected] mobile: 329/5879388www.deamater.it

Cronaca

Cronaca