venerdì, 15 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Sport

Campionati Europei 2012 Polonia-Ucraina

Campionati Europei 2012 Polonia-Ucraina
Campionati Europei 2012 Polonia-Ucraina
Olbia.it

Pubblicato il 28 maggio 2012 alle 11:20

condividi articolo:

A meno di due settimane dall’inizio dell’evento calcistico più rilevante dell’estate 2012, ossia i Campionati Europei di Polonia-Ucraina, diamo uno sguardo alle squadre partecipanti per provare a capire chi sono le più serie contendenti alla Coppa Henri Delaunay, il trofeo che viene sollevato dalla squadra vincitrice. Gruppo A (Polonia, Russia, Grecia, Repubblica Ceca) Composto interamente da nazionali dell’est europeo, difficilmente il gruppo A vedrà una delle sue squadre competere fino alla fine: favorite per il passaggio del turno Russia e Repubblica Ceca, con la Polonia padrone di casa che confida nel calore del pubblico e la Grecia che sogna di ripetere l’impresa di 8 anni fa in Portogallo. Dai quarti di finale la strada appare comunque bloccata, visto che le qualificate troveranno le due squadre uscite dal terribile gruppo B. Gruppo B (Olanda, Germania, Portogallo, Danimarca) È il gruppo più bello, incerto e difficile della manifestazione: Olanda e Germania sembrano avere qualcosa in più, ma il Portogallo di Cristiano Ronaldo resta un avversario ostico. I tedeschi possono contare sulla solidità del gruppo arrivato alle soglie della finale agli ultimi mondiali, mentre i tulipani olandesi, vicecampioni a Sudafrica 2010, hanno dalla loro un tasso tecnico elevatissimo con i vari Sneijder, Van Der Vaart, Huntelaar, Van Persie e Robben. La Danimarca, vincitrice a sorpresa 20 anni fa in Svezia, non sembra in grado di rinverdire i tempi di Larsen, Schmeichel e Wilfort: per Morten Olsen, che guida gli scandinavi in panchina dal 2000, l’obiettivo è ben figurare sperando di fare uno sgambetto ad una delle grandi. Gruppo C (Spagna, Italia, Croazia, Repubblica d’Irlanda) Il girone degli Azzurri è tutt’altro che facile: subito la Spagna campione d’Europa e del Mondo in carica, poi la Croazia che non battiamo da 70 anni (!) e infine la sfida decisiva per il passaggio del turno contro l’Irlanda del Trap. La Spagna parte con tutti i favori del pronostico e spera di centrare la tripletta Europei-Mondiali-Europei, finora mai realizzata. Gli iberici perdono David Villa, che non sarà della spedizione per via della gamba fratturata a dicembre, ma possono sempre contare sul centrocampo stellare in cui Xavi, Iniesta e Fabregas giostreranno ad innescare uno tra Torres, Soldado e Llorente. L’Italia si affida all’estro di Cassano, Balotelli e Di Natale, unito all’esperienza di Pirlo, De Rossi e Buffon: Prandelli sta cercando di forgiare il nuovo gruppo che dovrà andare ai Mondiali brasiliani del 2014, ma nel frattempo l’Italia può fare bella figura anche ad Euro 2012. Nei quarti di finale l’incrocio sarà con le squadre del gruppo D, la Spagna al massimo potremo trovarla in finale. Forza Azzurri! Gruppo D (Ucraina, Inghilterra, Svezia, Francia) L’altra squadra ospitante, l’Ucraina, ha pescato meno bene della Polonia e dovrà vedersela con Francia, Inghilterra e Svezia. Inglesi e francesi si ritrovano nello stesso girone, come accaduto già in Portogallo nel 2004: allora decise una doppietta di Zidane, stavolta l’Inghilterra con Gerrard, Rooney e Lampard appare più attrezzata, anche se ha perso Capello (in panchina c’è Hodgson). Rooney però salterà il big match con i blues, perché deve scontare due giornate di squalifica e rientrerà solo per la terza e decisiva sfida, con la Svezia. La Francia del portiere capitano Lloris punta su Ribery e Benzema, cui Blanc affiancherà probabilmente Nasri e Malouda per una maggiore propensione offensiva. Nella Svezia Ibrahimovic proverà a trascinare i suoi, mentre l’Ucraina al di là dell’aiuto del pubblico e dell’entusiasmo non sembra avere le armi in grado di sopravvivere e andare avanti nella competizione. Si inizia venerdì 8 giugno alle 18:00 con il match inaugurale tra Polonia e Grecia a Varsavia; la prima dell’Italia sarà a Danzica, il 10, contro la Spagna, sempre alle ore 18:00. L'articolo è stato scritto da Angelo Ricci, scrittore, libero professionista che tratta di informazioni sull'intrattenimento e la tecnologia.

Sport

Sport