sabato, 03 dicembre 2022

Informazione dal 1999

Cultura, Arte e Spettacolo

Tempio: sulla vetta del Limbara la mostra "Itinerari d'Arte"

Ecco l'inaugurazione

Tempio: sulla vetta del Limbara la mostra
Tempio: sulla vetta del Limbara la mostra
Olbia.it

Pubblicato il 31 agosto 2022 alle 19:20

condividi articolo:

Tempio. Una mostra pittorica in una cornice a dir poco suggestiva: la vetta del monte Limbara, località Vallicciola, presso Tempio. Organizzata dal Vallicciola Nature Hotel, l’inaugurazione è stata fissata per venerdì 2 settembre alle ore 18
La mostra s'intitola “itinerari d’arte”, sarà allestita e curata da Mario Lai ed ospiterà le opere di Gavino Piana e Manlio Masu.

Gavino Piana, nasce nel 1953 a Sorso, dove vive e svolge la sua professione di medico, fin dall’età giovanile si appassiona alle arti figurative e da autodidatta dedica tutto il suo tempo libero allo studio di questa grande vocazione. Nei suoi primi dipinti la protagonista è una natura incontaminata, in particolare nei paesaggi campestri della sua terra, la Sardegna. Con i l suoi “ Interni di ambulatori e ospedali psichiatrici”  mostra un mondo che sembra vivere in assenza dell’uomo, nel quale però si percepisce il suo trascorso, facendo trapelare dagli angoli di queste stanze tutte le emozioni vissute da chi ha popolato quei luoghi. Gli ultimi lavori dell’artista si legano al tema dell’industria, tramite la rappresentazione di impianti dismessi che si fanno paesaggio, dove prevale la sensazione di un mondo dove l’animo umano viene inghiottito dalla modernità dei nostri tempi.

Manlio Masu, nasce ad Olbia nel 1935, allievo di Giovanni Ciusa Romagna nella materia di Disegno e Storia dell’Arte, manifesta già in tenera età la sua passione per la pittura ed approfondisce da autodidatta lo studio del paesaggio. Nel 1963 espone i suoi lavori nella sua prima mostra personale a Calangianus poi dai primi anni Sessanta partecipa a rassegne e concorsi d’arte regionali e nazionali. Nelle opere dell’artista predominano i temi del mare e del mondo femminile, con “le bagnanti” tramite colori tenui raffigura donne, avvolte da drappi di tessuto morbidi, circondate da un’atmosfera marina rappresentando al meglio una parte della sua lunga carriera artistica. Di grande valore sono anche le sue opere a tema religioso che è possibile ammirare in diverse Chiese della Sardegna.