domenica, 14 agosto 2022

Informazione dal 1999

Politica

Tempio, ingiurie e diffamazioni: il sindaco Addis annuncia querela

"Oltrepassato il limite della critica politica"

Tempio, ingiurie e diffamazioni: il sindaco Addis annuncia querela
Tempio, ingiurie e diffamazioni: il sindaco Addis annuncia querela
Olbia.it

Pubblicato il 22 luglio 2022 alle 14:38

condividi articolo:

Tempio Pausania. Non semplici critiche politiche, anche aspre, ma ingiurie e diffamazioni: così, il sindaco di Tempio Gianni Addis ha deciso di parlare apertamente del problema, annunciando contemporaneamente querela.

"Assisto sempre più di frequente, alla pubblicazione sui social di frasi, considerazioni e commenti ingiuriosi e diffamatori rivolti alla mia persona e come sindaco, o ad amministratori della mia maggioranza o anche dell’opposizione, con l’utilizzo di una terminologia di gratuita offensività. Accade spesso che gli autori di post o commenti, oltrepassino il limite del diritto sacrosanto di critica politica, che non può però mai trascendere in atteggiamenti di eccessiva nonché gratuita violenza verbale", scrive Gianni Addis.

"Di recente mi sono state rivolte, anche in qualità di Sindaco, pesanti offese con parole ed espressioni senz'altro idonee ad arrecare danno e discredito alla mia persona, alla mia reputazione, al mio onore, alla mia rispettabilità, specie in considerazione del ruolo pubblico che ho il privilegio di rivestire, e che discreditano anche l’intera amministrazione, l’Ente e la Città che rappresento", prosegue il sindaco.

"Lo “spazio virtuale” dei social, evidentemente, porta molti a ritenere che si possa scrivere ciò che si vuole senza conseguenze e senza tenere conto che invece aver pubblicato frasi ingiuriose o diffamatorie comporti una precisa responsabilità penale. Mio malgrado, sono stato quindi costretto a segnalare tali fatti incresciosi all’autorità competente e a formalizzare alle stesse un atto di denuncia e querela , con l’auspicio che la comunicazione e il dialogo politico soprattutto sui social, possano tornare ad essere civili e sereni", conclude Addis.