giovedì, 05 agosto 2021

Informazione dal 1999

Politica

San Teodoro: al via il protocollo per rendere la cittadina più sicura dal Covid-19

San Teodoro: al via il protocollo per rendere la cittadina più sicura dal Covid-19
San Teodoro: al via il protocollo per rendere la cittadina più sicura dal Covid-19
Olbia.it

Pubblicato il 16 luglio 2021 alle 18:57

condividi articolo:

San Teodoro. In Sardegna il caldo della stagione estiva non ferma i nuovi contagi da Covid-19 e questa volta a far paura è la contagiosissima variante Delta. Il Comune di San Teodoro non ha certo dimenticato l'esperienza delle dure restrizioni da zona rossa e quindi per la stagione 2021 ha stilato un apposito protocollo denominato "San Teodoro sicura". Ad annunciare la notizia l'Assessora ai Servizi Sociali di San Teodoro, Antonella Debertolo, in una intervista andata in onda ieri su Tele Sardegna. La Debertolo ha spiegato che il protocollo si concretizza con una serie di provvedimenti che andranno a rafforzare quelli già esposti nei vari dpcm emanati dal Governo..  Il primo è un Centro di informazione all'interno del Comune di San Teodoro con numero di telefono e e-mail dedicati a tutte le richieste riguardanti l'emergenza sanitaria, il secondo provvedimento è l'attivazione di una convenzione con un Centro medico per dare la possibilità di effettuare il tampone molecolare o rapido puntando ai tamponi di ultima generazione, quelli salivari,  per la diagnosi del Covid-19 ad un costo congruo per tutti e senza doversi spostare dal Comune di San Teodoro. Attivate anche alcune importanti collaborazioni con Enti del Terzo settore che si occupano di inclusione sociale. Questi enti dovranno occuparsi, attraverso i loro volontari, di fare campagna di sensibilizzazione affinchè, specie in spiagge affollate come la Cinta o Brandinchi, vengano applicate tutte le regole per evitare la diffusione dei contagi.  Una idea innovativa, quella portata avanti dal Comune di San Teodoro che aiuterà sicuramente a responsabilizzare maggiormente i cittadini, ma anche i turisti con l'intento di ridurre la diffusione del virus Sars CoV 2.