domenica, 14 agosto 2022

Informazione dal 1999

Politica

Porto Taverna, stagno chiuso: Lai replica a Li Gioi

Le dichiarazioni del sindaco Francesco Lai

Porto Taverna, stagno chiuso: Lai replica a Li Gioi
Porto Taverna, stagno chiuso: Lai replica a Li Gioi
Angela Galiberti

Pubblicato il 27 luglio 2022 alle 16:28

condividi articolo:

Porto San Paolo. Si scalda il clima politico attorno ai due stagni di Porto Taverna oggetto di un'interrogazione e una nota stampa del consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Roberto Li Gioi.

Questa mattina, Li Gioi ha lanciato l'allarme sulle condizioni dello stagno: il cosiddetto "imboccaggio" risulta chiuso e all'interno le condizioni ambientali sono peggiorate e hanno provocato una moria di pesci. Qui la breve nota del consigliere Li Gioi

Piccata la replica del sindaco di Loiri Porto San Paolo, Francesco Lai, che accusa Li Gioi di non aver approfondito la questione.

"Apprendo con stupore l’intervento del Consigliere Li Gioi in merito allo stagno di Porto Taverna. Capisco la continua e ossessiva ricerca di visibilità attraverso comunicati stampa e interrogazioni fini a se stesse, ma non capisco il mancato approfondimento a tematiche cosi importanti e delicate di un ecosistema che da sempre è stato fragile come lo stagno di Porto Taverna. Men che meno se questi avvengono per il semplice fatto che qualche suo elettore gli abbia tirato la giacchetta", scrive Lai.

Secondo il sindaco di Loiri Porto San Paolo, l'allarme del consigliere regionale pentastellato sarebbe infondato. "L’appello e l’allarme infondato del Consigliere Li Gioi rischiano di ottenere esclusivamente l’effetto nefasto di un messaggio negativo per il nostro territorio. Se si fosse documentato o avesse approfondito con gli amministratori locali la tematica, si sarebbe reso conto che, con l’intervento da lui auspicato, si comprometterebbe in maniera irreversibile il naturale ecosistema spiaggia/stagno. Difatti l’imboccaggio è chiuso naturalmente a seguito delle mareggiate invernali e, lo stagno, come ogni anno, soffre nel periodo di maggiore siccità per il mancato afflusso dell’acqua dolce dai rigagnoli che lo alimentano".

Sempre secondo il sindaco, "Se l’Onorevole fosse stato attento e realmente interessato alle dinamiche locali, si sarebbe reso conto che grazie al Progetto “Porto Taverna a impatto zero” dell’Area Marina Protetta, lo scorso anno si sia posizionato un ponticello amovibile nell’imboccaggio con un sistema di filtrazione della acque in uscita. Sistema, che proprio per la sua amovibilità, tiene conto del naturale periodo di apertura e chiusura dello stagno, senza alterare il naturale fenomeno che è deciso dalla natura. Quest’anno non è stato necessario perché lo stagno si è naturalmente chiuso durante la stagione primaverile. La domanda ora è: Il Consigliere Li Gioi si prende la responsabilità di alterare lo stato naturale dell’ecosistema presente, con un intervento umano alle porte di agosto, per togliere quello che la natura ha portato? Quale studio scientifico ha condotto per addivenire alla soluzione prospettata? Capisco che sia molto più facile confezionare un comunicato stampa piuttosto che approfondire temi come questo, ma invito il Consigliere Li Gioi a studiare e a confrontarsi con chi questo problema lo affronta da decenni, senza creare allarmismi che rischierebbero di creare un danno irreparabile all’ecosistema, al territorio e ai cittadini che lo vivono e lo frequentano tutto l’anno".