giovedì, 04 marzo 2021

Informazione dal 1999

Sport, Motori

Olbia, tutti i segreti del Rally mondiale

Dallo shakedown alle speciali: la Gallura in prima linea

Olbia, tutti i segreti del Rally mondiale
Olbia, tutti i segreti del Rally mondiale
Angela Galiberti

Pubblicato il 07 febbraio 2021 alle 06:00

condividi articolo:

Olbia. Dita incrociate per la prossima stagione estiva, alla quale non manca poi così tanto tempo: in programma, a Olbia, c'è il ritorno del Rally mondiale dopo diversi anni di trasferta ad Alghero, nella Riviera del Corallo. Un gradito ritorno, sotto elezioni, ma anche sotto pandemia: il che potrebbe rendere complesse molte cose, ecco perché bisogna sperare che l'emergenza pandemica sia il più possibile ridimensionata per l'estate.

Fatta la dovuta premessa, ecco cosa ci riserverà la kermesse sportiva: non ci sarà la prova speciale in zona industriale, come invece era stato programmato nel 2020. In compenso, il quartier generale del rally torna alla sua sede originaria, ovvero Olbia e in particolare il Molo Brin. I bolidi della Wrc saranno, dunque, a pochi passi dal centro storico e rappresenteranno un'attrazione turistica di tutto rispetto. La partenza della competizione, invece, sarà ad Alghero.

Si parte il 3 giugno con lo shakedown ed è questa una delle principali novità dell'edizione 2021. La prova che stabilisce l'ordine di partenza degli equipaggi si svolgerà per la prima volta nel Comune di Loiri Porto San Paolo: le Wrc si sfideranno in un breve percorso con curve mozzafiato situato tra le frazioni di Azzanidò e Ovilò. Il cuore della Gallura, dunque, accoglierà una delle competizioni motoristiche più amate e seguite al mondo. 

Venerdì 4 giugno continuano a trionfrare i paesaggi del Nord Est Sardegna, con la sua terra scivolosa e le sue curve insidiose: si parte dalla maestosità della special stage Su Filigosu-Monte Lerno, regione del Montacuto, tra Pattada e Oschiri. Poi, ecco SS Terranova: un percorso tecnico nelle vallate di Alà dei Sardi. 14 km di adrenalina pura. Si continua a Tempio Pausania, che accoglierà i maestri del sovrasterzo in una special stage che unisce Tempio a Bortigiadas. Infine, ecco Erula-Tula a due passi dal lago Coghigas.

Sabato 5 giugno nuovi paesaggi, ma sempre Nord Sardegna protagonista indiscusso. Le prime prove speciali si svolgono tra Alà dei Sardi, Buddusò e Pattada: si tratta delle SS Coiluna-Loelle - storico tracciato della Wrc - e Monte Lerno-Monti di Alà: in totale oltre 30 km di spettacolo puro in cui gli equipaggi dovranno dare prova di grande abilità e sangue freddo. Subito dopo, ecco altre special stage: prima a Bortigiadas con la prova "Bortigiadas-Viddalba", poi Castelsardo con "Sedini-Castelsardo".

Domenica 6 giugno, ultimo giorno di gare e ultimi paesaggi mozzafiato per questa Wrc che è anche una grande occasione per promuovere le bellezze sarde nel mondo: due le prove speciali prima del podio, vale a dire "Arzachena-Braniatogghiu" e "Aglientu-Rena Maiore".

A tutti gli appassionati non resta che prendere nota delle speciali e organizzarsi per godersi lo spettacolo.