martedì, 18 gennaio 2022

Informazione dal 1999

Cronaca, Giudiziaria

Olbia, morte Davide Rossi: perizie su camioncino e cellulare

Le indagini continuano

Olbia, morte Davide Rossi: perizie su camioncino e cellulare
Olbia, morte Davide Rossi: perizie su camioncino e cellulare
Olbia.it

Pubblicato il 30 dicembre 2021 alle 13:13

condividi articolo:

Olbia. Le indagini sulla morte di Davide Rossi, il giovane olbiese investito la mattina del 23 dicembre scorso e il cui corpo è stato ritrovato la sera del 24, continuano senza sosta.

Per la sua morte vi è una sola persona indagata: un uomo di 66 anni che si stava recando al lavoro e che è accusato di omissione di soccorso e omicidio stradale. Il 66enne è difeso dall'avvocato  Gianmario Liscia che, sulla pagine della Nuova di oggi, ribadisce il suo assistito non si dà pace per quanto avvenuto e che è esclusa la volontarietà a non soccorrere la vittima.

Gli investigatori, nel frattempo, devono compiere degli accertamenti sia sul cellulare dell'indagato sia sul camioncino che guidava. Si cercano riscontri alla versione e si vuole ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. Secondo una prima ricostruzione, il 66enne non si sarebbe reso conto di aver investito una persona: avrebbe pensato di aver centrato una buca. Il tutto sarebbe stato riferito sia ai colleghi che al titolare, quest'ultimo avrebbe anche ricevuto le foto del mezzo danneggiato.

Davide Rossi, dopo essere stato visto in diversi locali olbiesi la notte tra il 22 e il 23 dicembre, era scomparso: ultimo avvistamento alle 6 del mattino al Botteghino sulla SS 127. Il suo corpo senza vita è stato trovato la sera della vigilia di Natale nascosto in un cespuglio. I suoi funerali veranno celebrati oggi alle 14:30 nella basilica minore di San Simplicio.