Da 949 giorni 4 ore 17 minuti 57 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Spesati orizzontale offerte
Lettere

Olbia, imprenditrici balneari a Nizzi: “sta sottraendo futuro e serenità ai nostri figli”

DoubleTree by Hilton hotel ristorante Olbia 1400

Olbia, 01 maggio 2020Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Annalisa Ricauda Aimonino, concessionaria balneare del nord Sardegna. L’imprenditrice ha scritto questa missiva rivolgendosi ai sindaci dei comuni sardi che non hanno ancora applicato l’estensione dei titoli concessori al 2033. Si tratta di parole scritte con il cuore con il cuore dietro le quali si è creato un movimento spontaneo di ben più di 70 donne imprenditrici, mogli compagne e figlie di imprenditori balneari di tutta la Sardegna che con forza vogliono far sentire la loro voce e manifestare tutta la loro preoccupazione in un momento grave come questo. Tra i sindaci contrari all’estensione vi è anche Settimo Nizzi.

Ai sindaci che non vogliono rilasciare l’estensione della durata del termine delle concessioni balneari al 2033 sancita dalla legge nazionale del 2018

DoubleTree by Hilton hotel ristorante Olbia 300

Caro Sindaco,

è con vera preoccupazione che l’altro giorno ho letto l’articolo pubblicato sulla Nuova Sardegna, nel quale con rinnovata forza alcuni sindaci della nostra amata terra dicono di non voler applicare l’estensione della durata del termine delle concessioni demaniali al 2033.

Mi è venuto spontaneo scriverLe una lettera perché sinceramente non capisco, oggi, questa ostinazione. In passato sappiamo bene che qualcuno si è fatto paladino di principi comunitari che sarebbero stati sovraordinati rispetto a quelli nazionali e regionali difendendoli a spada tratta contro le ragioni, non solo di una categoria che conta più di 900 aziende e che ha ben diritto di difenderle, ma anche contro agli esponenti nazionali del proprio partito e dei loro partners politici.

Oggi Le scrivo perché da donna ed imprenditrice probabilmente ho una visione diversa dalla sua e sento la necessità di esprimerglieLa. In una situazione come quella attuale le nostre preoccupazioni sono rivolte alla salute dei nostri figli, dei nostri mariti e compagni, dei nostri genitori, dei nostri amici e dei nostri cari.

Ma non Le nascondo che sono rivolte anche ad una crisi economica mai vista prima, una crisi che non solo colpisce le nostre famiglie ma anche quelle dei nostri dipendenti, che ci colpisce al cuore perché non ci dà una prospettiva, non ci permette di fare programmazione, non ci dà un futuro.

Non c’è un giorno e una notte che non passiamo a pensare a soluzioni per poter riaprire in sicurezza le nostre attività, che probabilmente quest’anno saranno in perdita, per dare comunque un servizio a chi vuole venire in vacanza nella nostra splendida isola, per garantire un lavoro ai nostri dipendenti, per far ripartire una filiera interrotta perché siamo convinte che sia necessario, oggi più che mai, stringere i denti e guardare oltre.

Perché è vero che il demanio è un bene pubblico ma gli investimenti che sono stati fatti, anche per dare un servizio pubblico appunto, sono privati, effettuati con tanto di mutui e prestiti, gli stessi a cui non possiamo accedere ora perché non possiamo contare su una continuità aziendale.

Per questi motivi, stamattina dopo aver letto certe affermazioni, mi sono chiesta perché. Perché dovremmo utilizzare le nostre risorse economiche, intellettuali e fisiche per poi chiudere i battenti delle nostre attività subito dopo?

Perché c’è chi non vede che dietro ad ogni azienda ci sono donne mogli madri figlie che da sole o insieme ai loro familiari cercano dignitosamente di vivere della propria attività? Perché in una situazione grave come quella attuale, dove anche chi a livello europeo prima era scettico a mettere in campo la solidarietà tra paesi ed ora si è convinto che è necessaria per la sopravvivenza di tutti, c’è ancora chi ha una visione tragicamente diversa e ci vuole condannare a morte?

Perché la non applicazione dell’estensione disposta dalla legge nazionale sancirebbe, ad oggi, una condanna a morte!!!!! Lei sta sottraendo a noi e ai nostri figli il futuro e la speranza.

Nella vita si possono avere opinioni diverse, si può sbagliare ed essere recidivi ma non si può non pensare a
quali siano le conseguenze delle proprie scelte, a maggior ragione in un momento come questo.
Il Covid 19 ha cambiato il mondo, ha cambiato noi, i nostri rapporti interpersonali, la nostra quotidianità, i
nostri pensieri, il nostro cuore.

Spero, quindi, con tutto il mio di cuore, che anche Lei possa cambiare….la sua visione delle cose.
Sinceri saluti
Annalisa Ricauda Aimonino
chiosco bar Lacala Calà Porto Pollo Palau

Prink 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Commenti

Virali

iRiparo Olbia dieffe 1400 domenico castaldo
In Alto