Sunday, 16 June 2024

Informazione dal 1999

Cultura, Musica

Olbia: il Liceo artistico De André inaugura la Biennale di Venezia

I musicisti hanno eseguito un programma variegato spaziando dal barocco alla musica contemporanea

Olbia: il Liceo artistico De André inaugura la Biennale di Venezia
Olbia: il Liceo artistico De André inaugura la Biennale di Venezia
Olbia.it

Pubblicato il 23 April 2024 alle 10:09

condividi articolo:

Olbia. Gabriele Deiana docente di chitarra presso il Liceo Artistico e Musicale Fabrizio De André di Olbia/Tempio ha presentato, alla sessantesima edizione della Biennale Arte 2024 di Venezia, le eccellenze dell’Istituto gallurese.

Il 18 Aprile il docente si è esibito all’inaugurazione della kermesse internazionale presso Palazzo Donà dalle Rose con gli alunni Michele Padovan (chitarra), Andrea Careddu (piano), Matteo Manzoni (flauto) che frequentano il Liceo Musicale di Olbia e che per l’occasione hanno formato l’Ensemble Terranoa.

I musicisti sardi invitati per l’occasione dalla Fondazione Donà dalle Rose, guidata da Chiara e Francesco Donà dalle Rose, hanno eseguito un programma variegato spaziando dal barocco alla musica contemporanea. Padovan ha aperto la serata con due brani per chitarra: uno del virtuoso pugliese Mauro Giuliani Varations sur Les folies d’Espagne e Watercolors del compositore statunitense Andrew York, già membro del Los Angeles Guitar Quartet. In seguito Padovan e Matteo Manzoni hanno eseguito Bagatella per Lea, un brano contemporaneo per flauto e chitarra composto da Deiana nel 2015 ed edito recentemente nel disco Georgina’s Rumba: ultimo lavoro discografico del virtuoso gallurese che annovera la partecipazione dei musicisti del sestetto di Paco de Lucia ed i cubani vincitori del Latin Grammy 2021 Iván “Melón” Lewis ed Alain Pérez.

L’intervento musicale si è concluso in quartetto con l'Ensemble Terranoa con un omaggio alla citta di Venezia grazie ad un adattamento di Deiana, per 2 chitarre flauto e basso continuo, del  Concerto in Re Maggiore RV 93 di Antonio Vivaldi composto nel 1730. L’adattamento del celebre concerto del compositore veneziano è stato realizzato a 4 mani con il docente di pianoforte del Liceo Francesco Alessandro Meloni. Padovan e Careddu, oltre ad essersi distinti in vari concorsi nazionali ed internazionali, stanno brillantemente terminando gli studi liceali in quinta seguiti rispettivamente dai docenti Deiana e Rossella Cugurra. Matteo Manzoni, alla sua prima esperienza musicale oltremare, frequenta la classe terza ed è alunno del docente padovano Elia Guglielmo.