domenica, 25 luglio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Olbia che fu: il blog che ti fa scoprire la storia della città

Olbia che fu: il blog che ti fa scoprire la storia della città
Olbia che fu: il blog che ti fa scoprire la storia della città
Angela Galiberti

Pubblicato il 17 aprile 2015 alle 10:21

condividi articolo:

Olbia, 17 Aprile 2015 - Olbia è una città che fatiscosamente riconosce la sua storia, la sua identità e i suoi beni storici. La politica degli ultimi 15/20 anni lo conferma: la cultura, in città, non è valorizzata nel modo in cui dovrebbe. Fortunatamente, i cittadini olbiesi sono spesso e volentieri più avanti dei loro eletti e smuovono mari e monti pur di valorizzare ciò che olbia può offrire non solo ai turisti, ma anche ai suoi residenti. OLBIAche fu è una delle ultime iniziative nate in città per recuperare le radici dell'olbiesità in tutte le sue sfaccettature. Dietro a questo interessantissimo blog vi sono due personaggi molto noti nel mondo accademico olbiese: Patrizia Anziani, da tempo impegnata in uno studio memorialistico dedicato alle famiglie di Olbia culminato nel primo volume di "In Olbia" (ne parliamo qui e qui), e suo marito Agostino Amucano (archeolgo). Il loro sodalizio coniugale, in questo caso, è sfociato in una piccola (ma fornitissima) bliblioteca on line in cui il cittadino può ripercorrere la storia di Olbia, i suoi personaggi, le sue storie più o meno note, i luoghi storici, la lingua e i detti popolari. Uno scrigno di segreti che porta luce su quell'olbiesità da tanti decantata, ma mai veramente valorizzata. Cuore del blog è la biblioteca personale del dottor Amucano, in cui vi è uno spazio dedicato solo alla Città di Olbia. Da questa fornita biblioteca, Patrizia Anziani recupera dati importanti per poi andare alla ricerca di testimonianze, conferme, aneddoti direttamente dalla popolazione. In questo modo, il duo Anziani-Amucano sta recuperando notizie e testimonianze storiche di rilievo. Giusto per fare qualche esempio, negli ultimi articoli si parla del Pozzo Sacro di Sa Testa, della Palazzina del Genio Civile, dei cognomi calangianesi ad Olbia e di alcuni personaggi che hanno fatto la storia della Città. Il tutto è abilmente cesellato anche da alcuni collaboratori del blog che aiutano Patrizia Anziani con le ricerche e i contenuti. Questa è l'ennesima dimostrazione che Olbia non è indifferente alla cultura: è solo la politica che deve accorgersene.