Saturday, 20 April 2024

Informazione dal 1999

Bianca, Cronaca

Militari dell’Esercito per la sicurezza esterna del carcere Badu 'e Carros di Nuoro

Preoccupazione della FP CGIL Polizia Penitenziaria: Militarizzazione delle carceri?

Militari dell’Esercito per la sicurezza esterna del carcere Badu 'e Carros di Nuoro
Militari dell’Esercito per la sicurezza esterna del carcere Badu 'e Carros di Nuoro
Olbia.it

Pubblicato il 01 March 2024 alle 15:00

condividi articolo:

Nuoro. La decisione di dispiegare 50 militari dell’Esercito per la sicurezza esterna del carcere di Badu 'e Carros a Nuoro ha scatenato un'ondata di preoccupazione e interrogativi da parte della FP CGIL Polizia Penitenziaria.

In una dichiarazione rilasciata oggi, la Federazione Nazionale della Polizia Penitenziaria ha rinnovato con forza la richiesta di misure concrete per affrontare la crisi del personale del Corpo di Polizia Penitenziaria. Il Coordinatore Nazionale della FP CGIL Polizia Penitenziaria, Mirko Manna, ha espresso preoccupazione per la decisione di affidare a personale militare compiti di sicurezza esterna, definendola una mossa che solleva interrogativi e alimenta il timore di una possibile militarizzazione delle carceri.

Tale direzione, sottolinea Manna, sarebbe in netto contrasto con i principi di una gestione civile delle istituzioni penitenziarie. "In questo contesto di incertezza e di evidente necessità, chiediamo al Ministro della Giustizia, Carlo Nordio, di intervenire con urgenza per chiarire le loro intenzioni e per avviare l’immediata assunzione di almeno 8.000 agenti del Corpo di Polizia Penitenziaria", afferma Manna. Secondo la Federazione, ciò è essenziale per affrontare le gravi carenze organiche che compromettono la sicurezza e l’efficienza delle strutture penitenziarie, nonché per garantire dignità e sicurezza al lavoro degli operatori penitenziari. Manna sottolinea l'importanza di politiche adeguate e sostenibili per riconoscere e valorizzare la professionalità e la specificità degli operatori penitenziari. Secondo lui, la sicurezza penitenziaria non può essere affidata a soluzioni temporanee o a personale non specializzato.

La gestione e la sicurezza delle carceri richiedono competenze specifiche, che solo un corpo di Polizia Penitenziaria ben formato e sufficientemente numeroso può garantire. Questa dichiarazione della FP CGIL Polizia Penitenziaria solleva importanti questioni circa il futuro della gestione delle carceri italiane e sottolinea la necessità di una risposta immediata e trasparente da parte delle autorità competenti.