venerdì, 22 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Lista su facebook degli studenti omosessuali del liceo classico di Nuoro.

Lista su facebook degli studenti omosessuali del liceo classico di Nuoro.
Lista su facebook degli studenti omosessuali del liceo classico di Nuoro.
Olbia.it

Pubblicato il 20 marzo 2013 alle 18:11

condividi articolo:

Il Movimento Omosessuale Sardo esprimela propria solidarietà agli studenti delliceo classico "Giorgio Asproni" di Nuoro dopo che, lunedì sera, sulla pagina Facebook gestita dagli studenti, è apparso un post con nomi, cognomi e frequentazioni degli alunni omosessuali. Questo gesto ha scatenato la rabbia del web, e la pagina alla fine è stata chiusa. Queste le parole del MOS (Movimento Omosessuale Sardo):

" Il Movimento Omosessuale Sardo esprime piena solidarietà agli studenti del liceo classico Asproni di Nuoro, umiliati e offesi da un'inaudita violazione della loro privacy e della loro intimità. L'outing, ovvero la pratica politica di rivelare l'omosessualità di politici e amministratori colpevoli di comportamenti omofobici in pubblico, non può essere in alcun modo accettata nei confronti di privati cittadini “colpevoli”, come in questo caso, unicamente di essere omosessuali e di vivere liberamente la propria vita. Purtroppo l'omofobia rimane, in Italia, la prima causa di bullismo tra giovani e studenti, forse anche a causa dell'impreparazione di genitori e insegnanti ad intervenire in questi casi o addirittura, come più volte è stato denunciato al MOS, perchè loro stessi colpevoli di incentivare se non promuovere il dileggio e l'offesa omofobica degli studenti. Per questo ci complimentiamo con il preside Fadda, il corpo docente e la maggioranza degli studenti del liceo per la condanna del fatto e la pronta risposta che li ha visti manifestare insieme questa mattina contro l'omofobia e la violenza verbale su internet.

Auspichiamo che presto, progetti come quelli del MOS contro il bullismo nelle scuole o dell'Agedo per la formazione degli insegnanti ad una cultura del rispetto, diventino patrimonio di tutte le scuole sarde e italiane."

Cronaca