lunedì, 18 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Fase 2 dal 4 maggio, Conte: "parziale riapertura, servirà ancora autocertificazione"

Fase 2 dal 4 maggio, Conte:
Fase 2 dal 4 maggio, Conte:
Angela Galiberti

Pubblicato il 26 aprile 2020 alle 20:55

condividi articolo:

Olbia, 26 aprile 2020 - Conferenza stampa di Giuseppe Conte sulla Fase 2 questa sera. Il Premier ha annunciato che inizia la convivenza con il virus e che in questa fase dovrà essere rispettata pedissequamente la distanza sociale, anche all'interno dell'ambito familiare.

Conte ha sottolineato che bisogna aspettarsi un aumento dei casi, ma il governo ha predisposto un meccanismo per intervenire in caso di bisogno. "Ci aspetta una sfida molto complessa. Dopo settimane di sacrificio ci si aspetta un allentamento delle misure. Nelle prossime settimane getteremo le basi della ripresa. Ci dobbiamo rimboccare le maniche. Il piano che abbiamo predisposto parte il 4 maggio ed è articolato".

"Nella convivenza con il virus dovremo usare i dispositivi di protezione individuale. Il prezzo delle mascherine sarà calmierato. E verrà eliminata l'Iva sui dpi. Il prezzo sarà a 50 centesimi per le mascherine chirurgiche", ha detto Conte.

"Ci saranno finanziamenti a fondo perduto per le imprese con meno di dieci dipendenti. Non lasceremo gli operatori del turismo da soli, dobbiamo lavorare moltissimo. Stiamo preparando un secondo decreto per sbloccare il Paese".

"Dal 4 maggio fino al 18 maggio conferma delle misure di distanziamento all'interno delle Regioni, con l'autocertificazione. Sarà consentito andare a trovare i familiari, ma senza assembramenti".

"Regole più stringenti per chi ha febbre sopra i 37 gradi e problemi respiratori: ci sarà l'obbligo di rimanere al proprio domicilio e di avvisare il proprio medico".

"Per quanto riguarda le cerimonie funebri, saranno permesse con un massimo di 15 congiunti meglio se all'aperto e rispettando in ogni caso la distanza sociale".

"Consentiamo dal 4 maggio sarà consentita l'attività di ristorazione con asporto, si entrerà una alla volta".

"Riapriranno diverse attività, tra cui i cantieri, il manifatturiero e il commercio all'ingrosso. Le aziende dovranno rispettare rigidi protocolli di sicurezza".

"Il 18 maggio abbiamo in programma la riapertura del commercio al dettaglio. Abbiamo in animo di riaprire i musei. Il primo giugno è la data che vorremmo dedicare alla riapertura di bar, ristoranti e cura della persona".

Cronaca

Cronaca