giovedì, 21 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Coronavirus, primo caso a Monti: il Sindaco scrive ai suoi concittadini

Coronavirus, primo caso a Monti: il Sindaco scrive ai suoi concittadini
Coronavirus, primo caso a Monti: il Sindaco scrive ai suoi concittadini
Olbia.it

Pubblicato il 21 marzo 2020 alle 00:07

condividi articolo:

Monti, 21 marzo 2020- Il coronavirus è arrivato per la prima volta a Monti, è stato lo stesso sindaco, l'avvocato Emanuele Antonio Mutzu, ad annunciarlo ai suoi concittadini. La comunicazione arrivata al Sindaco stasera, è stata resa pubblica con la finalità di ricostruire i contatti ravvicinati con il cittadino dichiarato asintomatico, non creare allarmismi e soprattutto invitare tutta la cittadinanza a rispettare i decreti emanati dal Governo per contastare la diffusione del contagio. "Carissimi concittadini, Vi comunico che sono stato informato alle ore 21 di oggi ( 20 marzo n.d.r.) che nel nostro Comune un cittadino è risultato positivo al CODIV-19, seppur asintomatico. Si tratta del primo caso a Monti. -Comincia così la lettera del sindaco Mutzu -Non vi è la necessità di allarmarsi poiché la persona è stata già presa in carico dal servizio sanitario e si trova ora in isolamento, non essendo stato necessario il ricovero. La ASL, come da protocollo, sta ricostruendo la rete di contatti avuti dal soggetto e, alla luce di quanto comunicato telefonicamente, ha suggerito di non attivare integralmente le procedure concertate in sede di costituzione del COC, essendo la situazione sotto controllo. IL nostro Comune a mezzo del COC nella giornata di domani procederà a monitorare la situazione. Poi l'invito alla popolazione, il sindaco ribadisce le indicazioni necessarie affinchè il virus non si diffonda. Si invita TUTTA LA POPOLAZIONE a restare ASSOLUTAMENTE a casa, per la propria sicurezza e per accedere con maggior rapidità alle informazioni che verranno diramate, se necessarie, nelle prossime ore. Dalla Prefettura si ribadiscono le raccomandazioni alla cittadinanza già rese note nei giorni scorsi, ed in particolare, i cittadini che abbiamo il sospetto di aver avuto contatti con il virus, specie se presentano sintomi, sono invitati a non recarsi di persona in Pronto soccorso o presso altre strutture sanitarie, bensì a contattare telefonicamente il proprio medico di famiglia o il 118. I nostri agenti della Polizia Locale, unitamente agli agenti dell'Arma dei Carabinieri e del Corpo Forestale, continuano ad esercitare una costante e puntuale azione di controllo". Conclude così il comunicato.

Cronaca

Cronaca