sabato, 15 maggio 2021

Informazione dal 1999

Politica, Cronaca, Giudiziaria

Asta sospesa, atti in Procura. Minoranza: comportamento gravissimo, sindaco riferisca urgentemente

La minoranza sull'asta sospesa per "gravi motivi"

Asta sospesa, atti in Procura. Minoranza: comportamento gravissimo, sindaco riferisca urgentemente
Asta sospesa, atti in Procura. Minoranza: comportamento gravissimo, sindaco riferisca urgentemente
Angela Galiberti

Pubblicato il 04 maggio 2021 alle 19:18

condividi articolo:

Olbia. L'asta per l'ex palazzo delle Ferrovie, sospesa dal giudice fallimentare per "gravi motivi" e decisa durante un consiglio comunale in cui è stata bocciata l'osservazione del curatore fallimentare, continua a tenere banco. Gli atti relativi all'asta sono stati tutti inviati in Procura e ora tocca alla minoranza consiliare dare fuoco alle polveri, parlando di atto gravissimo e invitando il sindaco Nizzi a riferire immediatamente in aula. Secondo quanto si legge nel dispositivo che sospende l'asta e revoca l'aggiudicazione al Comune di Olbia, il giudice ritiene che l'asta sarebbe stata inficiata dal comportamento tenuto da Nizzi.

Queste le dichiarazioni dell'opposizione: "I consiglieri e le consigliere comunali di minoranza, esprimono il loro disappunto ed indignazione in merito alle notizie apprese in data odierna a mezzo stampa. Il Consiglio Comunale all’unanimità ha dato mandato al Sindaco di rappresentare l’Ente, per l’acquisizione del bene, ritenendolo di vitale importanza per la riqualificazione dell’intero quartiere di San Simplicio. Consideriamo gravissimo il comportamento del Sindaco, che in sede di aggiudicazione dell’immobile, invece di esercitare il mandato ricevuto dal Consiglio Comunale, avrebbe tenuto un comportamento lesivo per la buona riuscita dell’operazione. Giova altresì ricordare che i consiglieri e le consigliere di minoranza hanno depositato in data 20 aprile 2021 un’interrogazione, per ricevere informazioni in merito al buon fine della gara per l’aggiudicazione dell’immobile. Oggi apprendiamo con rammarico, che ancora una volta a causa dell’inadeguato comportamento del Sindaco, il Giudice fallimentare ha sospeso la gara ed ha revocato l'aggiudicazione provvisoria a favore del Comune di Olbia, ed inviato gli atti alla Procura. Questo potrebbe comportare un danno economico per la Città, con il rischio concreto che il Comune possa perdere i finanziamenti per la tanto attesa riqualificazione urbana del quartiere di San Simplicio. Pretendiamo che urgentemente il Sindaco riferisca in aula sulla vicenda, al fine di fugare qualsiasi dubbio sul suo comportamento tenuto in fase di gara".