martedì, 26 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Amiga poesia- Poesia in limba sarda

Amiga poesia- Poesia in limba sarda
Amiga poesia- Poesia in limba sarda
Vanna Sanciu

Pubblicato il 10 gennaio 2016 alle 09:16

condividi articolo:

Che cos'è la poesia? La poesia è libertà, emozione, passione! Essa è dentro di noi e parla di noi: della vita e della morte, dell'amore, del dolore, della gioia, della speranza, della natura, dei miti e della storia. La poesia è una delle principali caratteristiche della tradizione e della cultura Sarda: la nostra isola ha espresso negli ultimi secoli numerosissimi poeti di grande valore e prestigio; qualcuno sostiene che si sia diffusa addirittura in epoca nuragica! Più modestamente e senza pretese, ciò che rappresenta per me la poesia cerco di comunicarlo attraverso questi versi: un'amica che mi regala il suono della sua voce! Amiga poesia Amiga poesia Tanco solu un'iscuta custos ojos, pensende a tie, s' amiga fadada. Beni chin sonos dulches in sos mojos, bati càntigos a s'iscurigada ca sa 'oghe tua sanat torojos, in tristura e in gosu disizada. In una carrotza àlciach’ a su chelu versos 'estidos chin biancu velu. Sonos lèbios coment'e sa puma, potentes che bent’ in un’uraganu, lughentes che istellas in sa truma, caentes che abbratzos in beranu, galanos che dea dae ispuma, luminosos che sole a su manzanu, friscos che-i s'abba in sos altos montes, currende a mare colat altos pontes. Cumpanza de caminos turmentados, acultz' a Deus est sa domo tua. Cantas amore pro innamorados, istendes chin pena velos a cua , disperados dae te cunfortados. S'infinidade dae cussa prua! Donas 'oghe forte a chie ti bramat, chie t'aprètziat pro semper t'amat! Musa e amiga de nois mortales, chi gosu chircamus in custa vida, chin armonia tue curas males in cust'Avventura in presse finida. Cùrami sas piaes de annales, chin sos càntigos de lugh’ infinida. Creo ch’in chijina apat de torrare, ma chin sa 'oghe tua chelz'olare. ©Vanna Sanciu Terranoa, 30/03/2015 Traduzione Vieni poesia Ho chiuso gli occhi per un attimo, pensando a te, amica fatata. Vieni con suoni dolci nei tuoi moggi, porta i tuoi canti all'imbrunire, la tua voce allevia il dolore, nella tristezza e nella gioia sei desiderata. Porta su nel cielo, con una carrozza, versi impreziositi da un bianco velo. Suoni leggeri come una piuma, potenti come il vento di un uragano, brillanti come le costellazioni, ardenti come gli abbracci in primavera, bellissimi come la Dea che nacque dalla spuma del mare, luminosi come la luce del mattino, freschi come l'acqua sugli alti monti, correndo verso il mare attraversa i ponti. Compagna dei percorsi tormentati, vicino al Signore si trova la tua casa. Tu canti l'amore per gli innamorati, con discrezione stendi veli di pietà, la tua voce è conforto per i disperati. Dalla tua prua s'avvista l'infinito! Tu doni voce e forza a chi ti desidera ardentemente, chi sa apprezzarti,ti ama per sempre! Musa e amica di noi mortali, che cerchiamo la felicità in questa vita, con la tua armonia curi i dispiaceri, nel corso dell'Avventura presto conclusa. Curami le ferite che mi accompagnano da sempre con parole di luce infinita. Alla fine si trasformerà tutto in cenere, ma con la tua voce voglio volare. Vanna Sanciu