martedì, 30 novembre 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Studio sul DNA dei primi sardi: patrimonio genetico diverso dal nostro

Studio sul DNA dei primi sardi: patrimonio genetico diverso dal nostro
Studio sul DNA dei primi sardi: patrimonio genetico diverso dal nostro
Olbia.it

Pubblicato il 28 febbraio 2017 alle 17:06

condividi articolo:

Olbia, 28 febbraio 2017 - Lo studio coordinato da Carlo Lugliè, docente di Preistoria e protostoria all'Università di Cagliari, uscito sulla rivista internazionale "Scientific Reports" (del gruppo "Nature") ha messo in luce una straordinaria scoperta riguardo le caratteristiche genetiche dei sardi in età preistorica: sembrerebbe infatti che i primi gruppi umani che popolarono la Sardegna nel Mesolitico, undicimila anni fa, avessero un dna diverso dalle comunità risalenti a tremila anni più tardi e che abitarono l'isola in maniera definitiva.

Le analisi sul dna estratto dai resti di due individui sepolti nelriparo preistorico di Su Carroppu di Sirri a Carbonia hanno permesso quindi di scoprire importanti nozioni sui nostri "antenati": le ricerche sono state condotte col coordinamento diDavid Caramelli dell'Università di Firenze e di Silvia Ghirotto, del gruppo di ricerca di Guido Barbujani dell'Università di Ferrara, applicando le più avanzate tecnologie per la caratterizzazione del DNA mitocondriale.