Da 278 giorni 6 ore 39 minuti 49 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli.

Spesati orizzontale
OLBIAchefu -poesia

Preghendhe in campusantu- poesia di Dionigi Pala

Nomasvello Olbia 1085

“Preghendhe in campusantu” sono semplici versi nati in occasione di una mia visita al cimitero della nostra città. Dopo essermi recato nella tomba di famiglia per un doveroso omaggio ai cari defunti di casa ho rivolto al Signore una preghiera di misericordia anche per tutti coloro che riposano in questo luogo consacrato.   

   

Auchan black week canali 300

Preghendhe in campusantu.

 

Pro ponner unu fiore a sos de domo

so andhadu pellegrinu in campusantu;

appo detzisu ‘e andhare própriu como

ca sentza ‘e lis faeddhare fio dae tantu.

 

Pustis de aer pregadu a babbu e mama

lis appo nadu de sa pena mia,

e m’an rispóstu: “Dógni cosa est vana,

fidzu ‘e su coro, abbratzadi a Maria!

Su mantu sóu est gradhe protetzione

contr’ a s’ingannu etérnu ‘e su Butzinu

Isfrutta de ogni ‘ene s’occasione

nutridu ‘e pane e sambene divinu!

De sa bontade no ti fattas vantu;

a s’offesa retzida dae peldónu

‘ettendhedicche a palas tóttu cantu.

Custa no est debilesa ma unu dónu

chi appianat su caminu de ógni santu!”.

Tandho mi so giradu a Frade nóstru

pro invocare sa grascia a ogni parente

chi est paltidu pro su mundhu justu

proitte finat s’attesa sufferente.

“Signore no los lasses a penare;

isméntiga su male chi ana fattu!

Est véru chi ses giustu in su pagare

e pones in su pésu su riscattu.

Si calchi olta an példidu s’istrada

est chi sa vida nostra est un’ijérru:

de tantu in tantu b’est sa temporada

e subbidu nos peret un’inférru!

No istes a pesare ogni diféttu

ca debbile est su coro e su chelvéddhu,

s’unicu ses tue, tue ses perféttu.

Magari chalchi pena dalla a mie

in remissione ‘e calchi peccadéddhu.

No creo chi no appen mai dadu

su sultighéddhu ‘e abba a su sididu

o unu pétz’ ‘e pane a su famidu.

Ammenta ‘ene, tue ti l’as signadu:

sighi sa riga dritta cun su didu.

Torralis cussa lutia beneitta

ch’at a bastare pro los riscattare!

 

E candho at a toccare puru a mie

trattami comente a su ladrone

chi an rughifissadu umpare a tie:

as appidu piedade in cuss’agone

e in gloria ti l’as juttu in cussa die.

A sos andzenos chi bi son’inoghe

tendhe sa manu, faghe unu sorrisu

pro los altzare in pinna ‘e paradisu.

Nuddha est impossibile pro te:

tue ses Gesusu, tue ses su Re!”.

Pregando in cimitero.

 

Per offrire un fiore a quei di casa

mi son recato pellegrino in cimitero;

ho deciso d’andarci proprio ora

poiché da tempo non parlavo loro.

Dopo le preghiere a babbo e mamma

ho raccontato tutte le mie pene,

e mi han risposto: “Ogni cosa è vana,

figlio del cuore, abbracciati a Maria!

Il manto suo è grande protezione

contro l’eterno inganno del demonio.

Sfrutta a fin di bene ogni occasione

nutrendoti del pane e del sangue divino!

Non menar vanto della tua bontà;

ripaga ogni offesa col perdono

sopportando tutto con pazienza.

Questa non è debolezza ma un dono

che spiana la strada di ogni santo!”.

Poi mi son rivolto a nostro Fratello

per invocar la grazia ai miei parenti

che son partiti verso il mondo giusto

perché finiscano le attese sofferenti.

“Signore non lasciarli in penitenza;

dimentica il male che hanno fatto!

È vero che sei giusto nel giudizio

e tieni conto di ogni bene fatto.

Se a volte smarrirono la strada

è che la nostra vita è un inverno:

spesso si scatena la bufera

e subito crediamo sia l’inferno!

Evita di dar peso a ogni difetto

poiché son deboli il cuore e l’intelletto,

l’unico tu sei, tu sei perfetto.

Magari qualche pena dalla a me

in remissione di qualche peccatuccio.

Non credo che abbian rifiutato

di dare un sorso d’acqua all’assetato

o un tozzo di pane all’affamato.

Ricorda bene, tu lo hai annotato:

segui la riga, aiutati col dito.

Ripaga quella goccia benedetta

che sarà sufficiente a riscattarli!

 

E quando sarà giunto il mio momento

trattami come hai fatto col ladrone

che hanno crocefisso insieme a te:

ti sei mosso a pietà nell’agonia

portandolo quel giorno nella gloria.

Pure agli estranei che si trovan qui

tendi la mano, fa loro un sorriso

per elevarli in cima al paradiso.

 

Nulla è impossibile per te:

tu sei Gesù, tu sei il Re!”.

 

©Dionigi Pala

Olbia, Pasqua 2011

                            

Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Solarsi bollette fotovoltaico olbia acconto zero
Idea Service Noleggiare auto olbia cagliari noleggio lungo termine mezzi commerciali aeroporto
Commenti


Virali

Prink 1400
In Alto