lunedì, 12 aprile 2021

Informazione dal 1999

Cronaca, Cultura, Bianca, Arte e Spettacolo

Olbia, i ragazzi dell'IPIA celebrano l'Avis con una scultura: ecco il progetto

Le opere verranno esposte nell'ambito del nuovo lungomare

Olbia, i ragazzi dell'IPIA celebrano l'Avis con una scultura: ecco il progetto
Olbia, i ragazzi dell'IPIA celebrano l'Avis con una scultura: ecco il progetto
Camilla Pisani

Pubblicato il 10 marzo 2021 alle 06:00

condividi articolo:

Olbia. Quando un progetto scolastico diventa arte, e quando l’arte diventa messaggio collettivo, allora si può certamente affermare di aver colpito nel segno: in questo, l’istituto IPIA Amsicora di Olbia è sempre un passo avanti.

L’ultimo progetto artistico portato avanti dai ragazzi, insieme al docente Ciro Punzo, è una serie di sculture che celebrano il lavoro dei volontari AVIS: un lavoro essenziale alla comunità, in modo particolare sul nostro territorio, che conta moltissimi pazienti talassemici i quali hanno costante necessità di trasfusioni ematiche (senza dimenticare le sacche necessarie per urgenze sanitarie e interventi chirurgici). Gli alunni dell’IPIA sono al lavoro per realizzare tre statue, che hanno come base del pregiato marmo di Carrara e si avvalgono di una particolarissima tecnica di realizzazione dei materiali: i soggetti raffigurati sono modellati, infatti, con una resina addizionata a polvere di gusci di cozze, vongole ed ostriche, un omaggio alla grande tradizione della mitilicoltura olbiese, frutto dell’ingegno di Ciro Punzo e dei suoi studenti.

La prima opera raffigura una mano che custodisce una goccia di sangue stilizzata, all’interno di una struttura di acciaio che rappresenta il mondo: il messaggio è chiaro e significativo, fortemente celebrativo dell’importanza di una risorsa preziosa come il sangue, liquido salvavita per chi si trova in difficoltà.

La seconda scultura, la cui base è alta settanta centimetri, rappresenta la goccia di sangue nella sua purezza, quasi un simbolo assoluto ed essenziale di quanto la donazione sia un gesto unico ed indispensabile, una linea diretta tra donatore e ricevente; la terza opera è insieme il fulcro e la sintesi delle prime due, e ritrae una goccia di sangue e un cuore che si baciano, il simbolo dell’associazione AVIS.

Ma quello legato al mondo della donazione del sangue non è l’unico progetto portato avanti dai ragazzi dell’IPIA: per festeggiare gli ottant’anni dei Vigili del Fuoco, gli alunni stanno creando una scultura che verrà posizionata in Piazza Crispi, dove un tempo si trovava la caserma; l’opera sarà realizzata in ferro, reinterpretando un simbolo storico -la fiamma- in chiave artistica.

“Entrambi i progetti stanno andando avanti, seppur un po’ a rilento a causa dell’alternanza di chiusure e riaperture per via della pandemia – riferisce Ciro Punzo, docente e referente del progetto – ma i ragazzi sono entusiasti di prendere parte a questo tipo di attività”.

Entrambe le opere verranno esposte nell’ambito della prossima inaugurazione del nuovo lungomare: le sculture dedicate all’AVIS saranno posizionate in via Redipuglia, mentre quella per l’anniversario dei VVF troverà posto in Piazza Crispi; tra poco meno di un mese sarà quindi possibile ammirare il frutto dell’ingegno e dell’impegno dei tanti ragazzi dell’istituto IPIA di Olbia, un simbolo di speranza per loro, che come tutti i loro coetanei hanno patito le difficoltà di un anno scolastico maciullato tra didattica a distanza e brevi e travagliate riaperture.

Altro progetto, questa volta del tutto indipendente ed ancora in divenire è la creazione di una serie di pesci stilizzati, realizzati in metallo e riempiti di bottiglie di plastica: l’idea, già in corso di realizzazione, è quella di portare queste opere sulle spiagge del territorio; un’opera fortemente significativa sul concetto di ecologia e rispetto dell’ambiente, temi caldi su cui soprattutto i giovani sono portati a riflettere e soprattutto ad agire, nell’ottica di un sapere scolastico che non si limiti a gelide nozioni, ma sappia stimolare quel pensiero critico che sta alla base di ogni rivoluzione positiva.