Monday, 15 July 2024

Informazione dal 1999

Generale, Salute

Olbia, diabete e screening: ecco le attività di prevenzione

La comunicazione della Asl

Olbia, diabete e screening: ecco le attività di prevenzione
Olbia, diabete e screening: ecco le attività di prevenzione
Olbia.it

Pubblicato il 27 October 2022 alle 11:48

condividi articolo:

Olbia. Controlli regolari, prevenzione e corretti stili di vita sono aspetti che consentono ai pazienti di evitare le conseguenze più gravi del diabete. Proseguono, perciò, grazie a due progetti mirati, le attività di monitoraggio del Servizio di Diabetologia della Asl Gallura, ospitate all’interno della struttura sanitaria San Giovanni di Dio.

Si legge nella nota della Asl: "Il primo progetto riguarda la prevenzione del piede diabetico: ogni martedì, alle 11.00, si tiene un incontro di gruppo durante il quale l’equipe sanitaria del Servizio diretto dal dottore Giancarlo Tonolo esegue gli screening individuali per escludere un’eventuale presenza di arteriopatia o neuropatia a carico degli arti inferiori. Le persone interessate possono rivolgersi direttamente al personale infermieristico per fissare un appuntamento".

"Per due giovedì consecutivi, invece, vengono organizzati i gruppi sullo stile di vita. Tutti i pazienti di nuova diagnosi sono inseriti da subito nel percorso, ma chiunque fosse interessato a migliorare le proprie conoscenze può rivolgersi al personale infermieristico e partecipare alle riunioni, anche insieme ad un familiare che può così condividere le sane abitudini e aiutare il paziente ad essere costante".

"La prevenzione è fondamentale. Nel primo caso – spiega Giancarlo Tonolo – il regolare controllo del piede diabetico e le buone pratiche per preservarlo da ulcere sono la migliore arma per difendersi da questa complicanza. Per quanto riguarda le attività sullo stile di vita sono anch’esse una tappa importante del percorso di contrasto al diabete. Nel gruppo parliamo di alimentazione e attività fisica come principi cardine delle terapie, metodi che abbiamo applicato con successo negli anni con i nostri pazienti, anche organizzando attività collaterali nell’ambito, ad esempio, degli sport del mare. Il movimento è efficace per combattere il sovrappeso e l’insorgenza di malattie vascolari. Insegniamo, poi, ad abbinare determinati alimenti, variando gli stessi senza che ci siano effetti negativi sui valori glicemici, che vanno sempre tenuti strettamente sotto controllo. I comportamenti quotidiani non corretti influiscono sulla qualità della vita delle persone e spesso nel paziente può insorgere una diminuzione dell’attenzione ai controlli. Fornire un sostegno e una forte motivazione attraverso le attività di gruppo diventa, perciò, determinante nel processo di contrasto alla patologia", conclude Giancarlo Tonolo.