sabato, 15 maggio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca, Cultura, Olbiachefu, Storia

Il cielo protesta quando vengono trasferite le reliquie dei martiri olbiesi nel 1848.

Il cielo protesta quando vengono trasferite le reliquie dei martiri olbiesi nel 1848.
Il cielo protesta quando vengono trasferite le reliquie dei martiri olbiesi nel 1848.
Marco Agostino Amucano

Pubblicato il 15 maggio 2016 alle 17:30

condividi articolo:

 
 
 
 
 
 
 
Olbia. La seguente testimonianza del terranovese Michele Deiana, che si ripropone ai lettori di OLBIA.it, è custodita in originale nell'archivio della parrocchia di San Paolo in Olbia, ed è stata trascritta e resa pubblica per la prima volta nel prezioso libro di padre Danilo Scomparin, Olbia cristiana, edito nel 2000.
La relazione riporta quanto raccontato al detto Michele Deiana dal padre Giovanni (1829-1892) circa alcuni eventi meteorologici straordinari che sarebbero accaduti intorno alla metà del XIX secolo, in concomitanza della traslazione delle presunte reliquie di martiri olbiesi dalla chiesa di San Simplicio -all'epoca adibita a "caserma di soldati"- alla chiesa parrocchiale di San Paolo. Non si entra qui nel merito di una valutazione critica del racconto, che intendiamo lasciare al lettore per intuibili motivi. Ci preme tuttavia rilevare solo la preziosa notizia di vani sottostanti alle due porte laterali, dette "sante", da dove le casse delle reliquie furono estratte: piccoli ambienti sottopavimentali per i quali si hanno fondate ragioni per sospettare un collegamento sotterraneo con la cripta ubicata sotto il presbiterio, ancora accessibile fino agli anni Cinquanta del Novecento.
 
 
 
Le reliquie dei martiri olbiesi così come si custodivano dietro l'altare maggiore della chiesa di San Paolo il giorno della ricognizione effettuata il data 9 maggio 2000. In alto a sinistra è la cassetta contenente le presunte reliquie del martire San Simplicio, oggi tornate alla basilica omonima.
 
 

Relazione di Michele Deiana sulle reliquie trasportate dalla chiesa di SanSimplicio a quella di San Paolo verso il 1845.

 
Il signor Deiana Michele fu Giovanni di anni 58 da Terranova riferisce quanto segue. Nella Chiesa di S. Simplicio vi sono le due porte laterali, che mio padre mi diceva che si chiamavano porte sante e si aprivano ogni sette anni con grandesolennità e concorso di popolo anche dai paesi lontani. Nell'età che babbo aveva dodici o tredici anni, constatando l'autorità ecclesiastica che la chiesa era profanata perché adibitaa caserma per soldati, stabilì di trasportare i corpi santi nella Chiesa parrocchiale. Questi corpi santi si trovavano sotto le due porte sante: due casse per ogni porta santa. Durante il trasporto che avvenne processionalmente (mio padre lo ricordava benissimo), essendo il ciclo sereno, improvvisamente scoppiò un gran temporale con tuoni, fulmini, pioggia torrenziale e grandine. Essendo la pioggia così impetuosa, e il temporale così violento, la processione si dovette sciogliere, e le casse furono depositate presso una famiglia di buoni cristiani, il cui capo aveva nome Pietro Paolo Cervo, presso quella che ora si chiama Piazza Regina Margherita.
Appena deposte queste casse in una camera, e andata via la gente, cadde un fulmineche penetrò detta stanza, e girò attorno senza causare alcun danno.
L'indomani si riprese la processione e si scatenò di nuovo il temporale, benché meno violento di quello del giorno precedente, sicchési poté riuscire a portare in Chiesa Parrocchiale le casse dei corpi santi. E furono depositati dietro l’altare maggiore. Nelle casse c'erano i corpi dei seguenti santi: nella prima che aveva tre serrature viera il corpo di S. Simplicio, nelle altre in una S. Anastasia, in un’altra Santa Fiorenza, in una terza S. Vittore Vescovo. Essendo io piccolo, dalla cassa, che a detta del Sagrestano Eretta Giovanni Antonio conteneva il corpo di S. Fiorenza, vidi sporgere un pezzo di fazzoletto di seta. Il detto sagrestano mostrava dal di fuori le casse a me e adaltri miei compagni che piccoli frequentavamo la chiesa, indicandoci i corpi contenuti in esse. Non ho mai visto le casse aperte. Mio padre nacque nel 1829 e morì nel 1892.
 
(tratto da SCOMPARIN, D., Olbia cristiana, San Simplicio e la Diocesi di Civita, Olbia 200, p. 142)
 
Affresco raffigurante il vescovo San Simplicio oggi visibile nell'abside della basilica minore di san Simplicio (XII secolo).