lunedì, 28 novembre 2022

Informazione dal 1999

Annunci, Eventi

Gallura, torna "Isole che Parlano": a Palau la mostra di Franco Zecchin

I dettagli sulla mostra

Gallura, torna
Gallura, torna
Olbia.it

Pubblicato il 19 agosto 2022 alle 09:11

condividi articolo:

Palau. Conto alla rovescia per la 26° edizione del Festival Internazionale "Isole che Parlano" - che si svolgerà dal 3 all’11 settembre 2022 tra Palau, La Maddalena, Arzachena e Luogosanto. Tornerà a Palau anche la grande fotografia di reportage e quest’anno sarà Franco Zecchin con Continente Sicilia, il protagonista della mostra monografica allestita negli spazi delle Sale polivalenti del Cineteatro Montiggia, che verrà inaugurata giovedì 8 settembre a partire dalle ore 21:30, come di consueto con un primo momento dedicato alla preview della mostra e, a seguire, alle 22:30 con l’incontro-lezione Riflessioni sull’etica di un mestiere.

Si legge nella nota stampa: "Il fotografo si racconta, un’occasione unica per conoscere più da vicino il lavoro e l’opera del fotografo che, insieme a Letizia Battaglia sua compagna di vita e di lavoro per oltre 20 anni, ha narrato la Sicilia e la mafia in tutto il mondo. L’esposizione - che resterà aperta al pubblico fino al 9 ottobre - presenterà un’ampia selezione di immagini che vanno dal 1975 al 1994, periodo in cui Zecchin ha fotografato la Sicilia durante gli anni della guerra di mafia e del forte impegno civile, non tralasciando aspetti riguardanti società, cultura, tradizioni e quotidianità. Immagini nate dalla tensione tra ricerca estetica e critica sociale: alla brutalità mafiosa, fatta di omicidi e di attentati, si accompagnano i processi e i funerali; alle immagini delle esperienze di vita all’interno degli ospedali psichiatrici, si alternano quelle degli spazi urbani, delle feste religiose, degli incontri e delle relazioni in un contesto sociale denso e aperto sul mondo".

"La prospettiva proposta dal percorso espositivo è antitetica a quella di un’insularità marginale e bloccata nella sua unicità, rassegnata a subire l’oppressione del potere mafioso e incapace di reagire agli stimoli dell’attualità globale. Le proteste e le mobilitazioni ricordano che la Sicilia non è solo il luogo di nascita della mafia ma anche dell’antimafia e di numerose sperimentazioni sociali. L’incontro delle 22:30 sarà preceduto da Momenti DiVini una degustazione di vini di piccoli produttori sardi, il primo dei momenti dedicati al territorio e ai suoi prodotti di Isole che Parlano di Sapori".

Franco Zecchin nato nel 1953 a Milano, nel 1975 si trasferisce a Palermo, dove diventa fotografo professionista, lavorando sulla mafia, la corruzione politica e le condizioni sociali in Sicilia. Nel 1980, è tra i fondatori del Centro di Documentazione contro la Mafia “Giuseppe Impastato”. Fa teatro e realizza film all’interno dell’ospedale psichiatrico di Palermo. Nel 1988 diventa membro “nominé” dell’agenzia Magnum. Tra il 1989 e il 1991 conduce un’inchiesta fotografica sui rapporti tra inquinamento industriale e salute pubblica in Slesia (Polonia). Nel 1991 inizia una ricerca fotografica sul nomadismo e l’uso delle risorse ambientali lavorando per alcuni anni su una decina di società in diverse parti del mondo.

Oggi vive e lavora a Marsiglia dove, insieme alle attività di formazione alla fotografia, continua a esplorare il rapporto tra territorio e pratiche sociali attraverso la fotografia. Le sue foto fanno parte delle collezioni dell’International Museum of Photography di Rochester, del MOMA di New York e della Maison Européenne de la Photographie a Parigi. https://francozecchin.com/