mercoledì, 27 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Volontariato sociale: approvati 15 progetti rivolti ai richiedenti asilo in Sardegna

Volontariato sociale: approvati 15 progetti rivolti ai richiedenti asilo in Sardegna
Volontariato sociale: approvati 15 progetti rivolti ai richiedenti asilo in Sardegna
Olbia.it

Pubblicato il 22 giugno 2018 alle 17:29

condividi articolo:

Cagliari, 24 giugno 2018- Oltre 250 richiedenti asilo nelle prossime settimane svolgeranno in forma gratuita servizi di pubblica utilità: dalla cura e tutela delle aree verdi e dell’arredo urbano alla custodia del patrimonio artistico e culturale e degli spazi dedicati al tempo libero e allo sport. È inoltre previsto il coinvolgimento attivo dei giovani nell’organizzazione di eventi con una valenza sociale e culturale che nascono per iniziativa dei comuni. Sono i risultati del nuovo Avviso, appena pubblicato nel sito dell'Osservatorio interregionale cooperazione allo sviluppo (Oics), che riguarda i progetti di volontariato sociale promossi dalla Regione, con un finanziamento di 60 mila euro, e destinati ai richiedenti asilo o titolari di protezione internazionale, ospitati nei centri di accoglienza della Sardegna, che hanno raggiunto la maggiore età. Le proposte sono state presentate da tre comuni (Trinità d'Agultu, Sadali e Valledoria) e 13 associazioni. Tutte le attività dovranno essere svolte su base volontaria e gratuita e ogni singolo progetto dovrà avere una durata di quattro mesi dalla firma con l’Oics che agisce in nome e per conto della Regione. Ciascun migrante sarà impegnato per un totale di ore compreso tra le 6 e le 15 settimanali. Lo scorso anno erano stati finanziati 12 progetti con oltre cento giovani coinvolti. "Prendiamo atto con piacere - ha dichiarato l'assessore agli Affari Generali Filippo Spanu - che aumenta l'interesse verso l'iniziativa che quest'anno coinvolge un crescente numero di persone. Vogliamo favorire l'inclusione dei richiedenti asilo nel tessuto sociale e abbiamo verificato sul campo che questi progetti sostengono e promuovono in termini molto concreti il processo di integrazione. L’impegno dei migranti in diversi contesti rinsalda il rapporto con le comunità e rafforza la reciproca conoscenza. Inoltre, con le attività di volontariato sociale i richiedenti asilo hanno la possibilità di migliorare la conoscenza della lingua italiana che è un aspetto fondamentale in vista di un loro pieno inserimento nelle diverse realtà”. Sull'accoglienza dei migranti e sul ruolo della comunicazione in questo delicato ambito si discuterà nel corso di “Nois, la Sardegna che accoglie”, in programma il 23 e 24 giugno prossimi, a Cagliari, al Teatro Massimo per iniziativa della Regione, in collaborazione con il Teatro di Sardegna. Il presidente Francesco Pigliaru, insieme alla Commissaria per l'Immigrazione del Comune di Barcellona Lola Lopez, all'assessore Spanu e al sindaco di Cagliari Massimo Zedda, aprirà sabato 23 giugno, alle 10, l'intensa due giorni di dibattiti, proiezioni di film e documentari, spettacoli.