Da 899 giorni 13 ore 43 minuti 5 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

DoubleTree by Hilton hotel ristorante Olbia 1400
Cronaca Olbia

Olbia, la guerra silenziosa sull’autobus: due inciviltà a confronto

Ecco ciò che ha vissuto la nostra Dénise Meloni

iRiparo Olbia dieffe 1400 domenico castaldo

Olbia, 07 settembre 2017 – Cosa accade se quando si entra sopra un bus si assiste a una strana guerra sotterranea fatti di sguardi fulminanti e frasi sussurrate? Si osserva e si prendono appunti: è quello che ha fatto la nostra Dénise Meloni quando, questo pomeriggio, si è trovata ad assistere involontariamente alla “guerra” tra bianchi e neri. Una guerra silenziosa che ha colpito la nostra collaboratrice: ecco il suo racconto.

Per andare a lavoro prendo  sempre la linea Aspo n.1.  Puntuale, pulita, con l’aria condizionata. Mai uno sgarro, mai una sbavatura.  Tutti i  giorni  si  susseguono uguali: autisti solerti, passeggeri gentili, stanchi magari ma che non negano mai un sorriso e mai una cortesia, come potrebbe essere un’informazione o una chiacchierata. Oggi questo equilibrio  si è spezzato da una novità: l’autobus era pieno di passeggeri africani che occupavano tutti i posti  a sedere.  Alcuni di loro possedevano dei bustoni ingombranti, suppongo per la merce da vendere come ambulanti, e noi di matrice caucasica eravamo tutti in piedi, cercando di destreggiarci nel poco spazio disponibile e cercando  di  timbrare il  biglietto  senza inciampare nei  bagagli. Una scena, di per sé banalissima: siamo tutte persone, chi arriva prima occupa un posto a sedere perché è così che funziona il trasporto pubblico. Eppure, questa banale scena si è trasformata in una guerra silenziosa, ma non troppo. Volano proteste velate, ma ficcanti. Vola un “Loro seduti  e noi in piedi” che fa scorrere mille brividi lungo la schiena: in un lampo si è creato un micro mondo  inneggiante al motto trito  e ritrito “prima gli  italiani“.

Studio Dentistico Satta 300

Mi viene in mente Rosa Parks che non trovando posto in autobus, nella zona relegata ai neri, si sedette in un sedile destinato  ai  bianchi, e a causa di  questo fu  arrestata. Penso che sarebbe orgogliosa oggi  di  vedere la situazione capovolta anche se quel mormorio  di “prima gli  italiani” continua a farmi  tremare le vene ai polsi.

La guerra silenziosa, però, ha anche un altro aspetto non meno irritante e incivile. Vicino a me ecco un’anziana signora a cui nessuno cede il posto: in quel caos potrebbe cadere,  potrebbe farsi  male. Niente: nessuna delle persone sedute cede il posto. Nessun cenno di civiltà  né  da una parte né dall’altra, come se fossimo divisi da un filo di ferro immaginario che ci impedisce di essere civili. Uno scambio di inciviltà triste ed aberrante, in un 2017 che dovrebbe aver consegnato  certe immagini alla storia e invece siamo  ancora così. Magari è  solo un borbottio, magari è solo una ragazza nera che non vuole cedere il posto all’anziana bianca (superficialità? senso inconscio di  rivendicazione?) ma mentre l’autobus si muove verso le sue tante destinazioni,  si  sente un mondo  fermo, statico,  quasi immutato.

Dénise Meloni

California Bakery 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Commenti

Virali

iRiparo Olbia dieffe 1400 domenico castaldo
In Alto