Da 219 giorni 5 ore 7 minuti 1 secondo questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli.

Spesati orizzontale
OLBIAchefu -poesia

Poesia in Limba-Sa sùplica

“Sa sùplica”, ovvero “La supplica”, è dedicata al bene più prezioso della mia vita, “su siddadu” il bene che ogni genitore ama infinitamente.

Bacchus 1085

 

Olbia, 11 Marzo 2018

Questa poesia: “Sa sùplica”, ovvero “La supplica”, è rivolta al Signore e dedicata al bene più prezioso della mia vita, “su siddadu” il bene che ogni genitore ama infinitamente.

Sa sùplica

Sa grascia pedo, Babbu nostru mannu,

ti ch’alcio custa sùplic’acorada

su coro meu tenet un’afannu.

 

No est pro me chi so impedinada,

fuende in presse est vida de ispannu

e donzi pena l’ap’agguantada.

 

Curro a mare in riu de tribbulìa,

acatto puntzas, tàulas chin áscias,

tot’iscanso chin calchi tremulia.

 

S’amore meu est siddad’in cáscias,

chin carignos ch’istrejat s’anzulia,

pro pretziosu donu torro gráscias.

 

Est istajone de ùltim’ anelu,

in benuju dimand’ amparamentu

e ch’apat bunda de dies de chelu.

 

In s’ora chi mi das s’acabbamentu

carralza culpas mias chin su velu,

ajua prenda mia in turmentu.

 

Pro su fiore raru e delicadu

ti prego donzi die bona sorte

chi siat tota vida fortunadu.

 

Atesu siat s’umbra de sa morte

iscrìeli unu fad’infioradu

in dolimentu siat sempre forte.

 

Non s’acùrtziet su male a jannile

in mente ideas pro sa libbertade

diciosu chin chie allughet foghile.

 

In su cras sou sa felitzidade,

in campu fioridu beranile,

su coro abbeltu chin sa piedade.

 

Pro s’eternu ap’àere su consolu

si passos acumpanzas in su nie

e bisos suos alcias tot’ a bolu.

 

Si tue lu sighis die pro die

no ap’àere pius oriolu

pro chie amo pius de a mie.

© Vanna Sanciu

Olbia, 19/09/2017

Traduzione

La supplica

A te Padre grande, chiedo la grazia,

innalzo questa supplica accorata,

il mio cuore vive nell’affanno.

 

Non vivo in angoscia per me,

stanno fuggendo i giorni dell’allegrezza

e ogni pena ho sopportato.

 

Navigando verso il mare

nel fiume degli affanni,

trovo tanti chiodi, tavole scheggiate,

tremante, cerco di non ferirmi.

 

Il mio amore è un tesoro nel baule,

le sue carezze allontanano la malattia,

ti ringrazio per questo prezioso dono.

 

Questa è la stagione degli ultimi desideri,

in ginocchio chiedo per lui protezione

e che viva giorni tranquilli.

 

Nell’ora in cui porrai fine ai miei giorni,

copri le mie colpe con un velo,

aiuta chi mi è più caro nel tormento.

 

Per quel fiore raro e delicato

ti chiedo ogni giorno la buona sorte,

fa’ che sia sempre fortunato.

 

Tieni lontana l’ombra della morte,

scrivi per lui un destino infiorato,

nella sofferenza sia sempre forte.

 

Fa’ che non s’avvicini il male alla sua porta,

che abbia ideali di libertà

e che sia sereno nel suo focolare.

 

Nel suo domani ci sia la felicità,

la sua terra sia un campo primaverile,

il suo cuore sia sempre aperto alla pietà.

 

Io riposerò serena

se accompagnerai i suoi passi nella neve

e farai volare i suoi sogni.

 

Se lo seguirai giorno dopo giorno

non avrò più pensieri

per chi amo più di me stessa.

©Vanna Sanciu

Olbia, 10/03/2018

 

 

 

 

 

 

morostesa abbigliamento olbia made in italy prima pagina
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Solarsi bollette fotovoltaico olbia acconto zero
Idea Service Noleggiare auto olbia cagliari noleggio lungo termine mezzi commerciali aeroporto
Commenti


Virali

Solarsì 1400
In Alto