Friday, 21 June 2024

Informazione dal 1999

Bianca, Cronaca

Olbia, nuovo protagonista al The Green Life: Art Wine Label

Ecco l’evento che mette insieme arte e vino

Olbia, nuovo protagonista al The Green Life: Art Wine Label
Olbia, nuovo protagonista al The Green Life: Art Wine Label
Ilaria Del Giudice

Pubblicato il 19 May 2024 alle 07:00

condividi articolo:

Olbia. Lo Show-room The Green Life, impegnato da tempo nella promozione dell’arte a 360 gradi, nonché nella diffusione di stili di vita sani improntati all’ecosostenibilità e al rispetto dell’ambiente, propone una novità: l’arte in bottiglia Art Wine Label, il format che promuove il connubio perfetto di artisti e vino. L’evento è dedicato a tutti quegli artisti che sono intervenuti sull’etichetta di un vino, con l’obiettivo di collezionare all’interno dello spazio dello show-room etichette d’autore e dare in questo modo valore all’arte in una modalità alternativa, promuovendo allo stesso tempo le cantine dell’Isola.

L’inaugurazione dell’evento ha avuto come ospite l’artista Sara Bachman, ideatrice dell’etichetta del vino IOLEI dell’omonima cantina. Il mese di maggio vede invece protagonista l’esposizione dell’artista Laura Carmina, la quale ha creato le opere raffigurate nelle 4 etichette dei vini della Tenuta Muscazega: Lunas e Disizu, colli del Limbara IGT Nebbiolo - Nughes, Vermentino di Gallura Superiore DOCG - Muscazega, Colli del Limbara IGT Rosato Nebbiolo. Laura Carmina, nata a Roma dove tuttora vive e lavora, inizia la sua attività artistica in maniera istintiva, per poi frequentare in seguito i corsi di Disegno e Pittura all’Accademia d’Arte di Firenze. Distinta ritrattista, capace di cogliere sottili sfumature psicologiche e di renderle con grande espressività tecnica, realizza quadri attraverso sequenze lirico-cromatiche che rievocano la dimensione onirica. Ha inoltre partecipato a varie mostre collettive sia in Italia che all’estero; alcune delle sue opere si trovano in collezioni private di New York, Brasilia, Beirut, Antibes, Cannes, Londra, Santiago del Cile, Verona e Roma.

La tenuta in questione, di sua proprietà, si estende per circa 40 ettari tra i territori di Luras, Nuchis e Tempio Pausania, circondata da ruscelli: “Una vigna sognata e realizzata nel paesaggio incontaminato dei colli del monte Limbara che si staglia all’orizzonte, ingentilito dalle varie sfumature color pastello, rosa, violetto e grigio che assumono le sue aguzze rocce di granito con il variare della luce», spiega Laura con un’immagine poetica. Questo lo splendido contesto ambientale in cui si inseriscono i vigneti Muscazega (tradotto dal sardo con il significato di “Mosca cieca”).

L’antica struttura della cantina risale ai primi dell’Ottocento. Nel 2006 Laura Carmina l’ha trasformata in azienda vitivinicola, per rendere omaggio alla terra granitica in cui ha trovato casa il Nebbiolo, vitigno piemontese importato circa due secoli fa e adattatosi con grande facilità e naturalezza a questo habitat che ne esalta le proprietà. L’altro vitigno è il Vermentino, principe incontrastato nella sua terra d’elezione. I prodotti Muscazega sono stati inseriti nella prestigiosa guida Vinibuoni d’Italia del Touring Club. La passione che una volta aveva per la pittura ed i viaggi è ora rivolta solo a produrre i vini tipici della Gallura: il Nebbiolo ed il Vermentino. Una vigna sognata, una vigna realizzata. Un sogno diventato realtà.