Friday, 19 April 2024

Informazione dal 1999

Arte e Spettacolo, Cultura

Olbia, la designer Mara Damiani racconta il carnevale sardo

L'esposizione delle opere al Green Life

Olbia, la designer Mara Damiani racconta il carnevale sardo
Olbia, la designer Mara Damiani racconta il carnevale sardo
Olbia.it

Pubblicato il 16 February 2024 alle 08:22

condividi articolo:

Olbia. Il Carnevale inizia a metà gennaio e si conclude a marzo, in Sardegna rappresenta una parte importante del patrimonio culturale sardo, permeata di storia e di ritualità affondano le loro origini sin dai tempi più antichi.

Il Carnevale sardo, pur mantenendo un nucleo costitutivo omogeneo, si esprime in modi differenti a seconda delle zone dell’Isola: ognuna, in sintesi, possiede proprie tradizioni, rituali e maschere. È dunque un mondo variegato di storie, voci, sentimenti e misteri. Ma lo scopo principale è quello di festeggiare i cicli annuali di fertilità e fecondità dei campi, di vita e di morte, nella natura e nell’uomo.

Nello show-room The Green Life, trovate un’esposizione dedicata al carnevale sardo grazie alle opere della Designer Mara Damiani. Il linguaggio grafico che Mara usa si pone come un narratore che racconta la tradizione del Carnevale sardo nelle sue forme e identità, mettendo in evidenza un aspetto antico e attuale al tempo stesso, Mara non ha pretese di mostrare quello che sia il valore antropologico o etnografico ma desidera mettere in luce quanta modernità e design sia insito nella storia di ciò che appartiene al territorio sardo.

“Nel lungo corso della storia sono stati numerosi gli artisti che hanno espresso le loro emozioni, a volte il dolore, oppure l’orgoglio e l’amore provato per la propria terra. La mia Sardegna porta con sé un carisma così potente che rimane dentro, e come tanti mi sento profondamente attratta da questa sua forza misteriosa.” così Mara Damiani.

Tutti gli aspetti caratteristici dell’Isola, con le sue forme e figure, provenienti da un passato ricco di modernità, sono stati raccolti anche in un libro dal titolo “Carrasecare” che in sardo significa “Carne da tagliare”, un termine principalmente legato alla zona interna della Sardegna. Questo libro ha come protagonista appunto il Carnevale sardo, le cui maschere e ritmi vengono affrontati in un modo tutto differente. Parte di queste opere le potete ammirare nelle pareti dello show-room The Green Life, disegni da uno stile grafico in cui emerge una chiave di lettura moderna, che affonda le sue radici nel Liberty, nell’Art Decò e, infine, nell’Astrattismo con i suoi pieni e vuoti, dove i colori sono più vivi e puri. Si giunge quasi per gioco a una schematizzazione cartoonesca, come se le figure fossero dei burattini (un omaggio a Eugenio Tavolara) che si presentano al pubblico con orgoglio per poi frantumarsi in una miriade di frammenti che giocano tra loro, formando composizioni grafiche.

Oltre al racconto per immagini, attraverso la personale idea di Design relativa al Carnevale sardo di Mara Damiani, è possibile ammirare anche le maschere in vetro dell’artista Enzo Lizzano. E così che primeggia in una delle vetrine una maschera imponente alta 2 metri, scolpita nel vetro grazie all’antica tecnica della vetrofusione, dove traspare grande pregio, raffinatezza, eleganza e bellezza. Oltre all’imponente maschera è possibile ammirare anche delle versioni più piccole rinchiuse in teche di vetro, e un bellissimo tavolo rotondo con base in ferro realizzato insieme all’Architetto Jacques Couelle, ideatore dello stile della Costa Smeralda e autore del primo albergo realizzato dal Consorzio Costa Smeralda.