sabato, 23 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Olbia, Imu ridotta su seconde case se date ai figli: proposta di Forza Italia

Olbia, Imu ridotta su seconde case se date ai figli: proposta di Forza Italia
Olbia, Imu ridotta su seconde case se date ai figli: proposta di Forza Italia
Angela Galiberti

Pubblicato il 28 gennaio 2014 alle 13:31

condividi articolo:

Olbia, 28 Gennaio 2014 – Imu sulla seconda casa? Vade retro, ma solo se la casa è data in comodato d'uso ai figli. Questa è la proposta del gruppo consiliare di Forza Italia, guidato da Marco Piro, che venerdì 24 Gennaio ha protocollato una mozione in merito. L'idea della minoranza è semplice: equiparare alla prima casa l'imposizione fiscale di tutte quelle proprietà che sono date gratuitamente ai parenti di primo grado. In questo particolare periodo, le banche non erogano mutui se non hanno elevate garanzie, di conseguenza le giovani coppie di primo impiego non riescono a comprare casa. – dice Marco Piro, capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale – Succede allora che si rivolgano ai genitori e vadano a vivere in una proprietà di famiglia. Allo stato attuale il padrone di casa (genitore) paga imposte come seconda casa, anche se l’immobile è dato in comodato d’uso (anche gratuito) ad un figlio”. L'espondente di Forza Italia snocciola anche qualche numero in favore della sua idea. La differenza tra la prima e seconda casa, in termini di tassazione, è piuttosto elevata. Prendendo ad esempio un apartamento di 85 mq, una prima casa paga di Imu 136€ (336 – 200 di detrazione), mentre una seconda paga 638,13€. Se la mozione proposta da Forza Italia fosse approvata, questa enorme differenza verrebbe azzerata.Nella finanziaria 2013, lo Stato ha addirittura rimborsato ai Comuni il mancato introito in caso di equiparazione alla prima casa, della abitazione utilizzata in comodato dai parenti in primo grado. - dice Marco Piro – Con questa mozione vogliamo stimolare l’amministrazione ad attivarsi per tutelare i cittadini che, in questo particolare momento economico, non sono in grado di acquistare una prima casa”. Sperando – ovviamente – in qualche controllo onde evitare furbizie di troppo che nulla hanno a che vedere con l'aiutare un figlio o un fratello.